Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

martedì 18 settembre 2018

Piano regionale dell’occupazione: 5mila adesioni, 30 milioni esauriti in tre giorni


Firenze. 8 marzo. Il Piano integrato per l’Occupazione, attivato dalla Regione Toscana a partire da martedì 6 marzo, ha registrato una fortissima adesione da parte dei beneficiari. Nei primi tre giorni è stato raggiunto il limite massimo di 5.000 adesioni finanziabili ed i 30 milioni di euro disponibili per questo intervento sono andati subito esauriti.
In tutta la regione il ritmo di oltre 1.500 percorsi di ricollocazione al giorno dimostra quanto sia drammatica la situazione occupazionale in molte aree della Toscana.
“E’ la riprova, se mai ce ne fosse stato bisogno – è il commento del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi e dell’assessore regionale al lavoro e formazione, Cristina Grieco – che la crisi ha lasciato molte famiglie toscane in una condizione di forte disagio economico e che la ripresa, da poco iniziata, non ha ancora potuto risolvere. Sappiamo che il nostro Piano per l’occupazione non sarà risolutivo, ma siamo stati la prima Regione a vararlo e abbiamo voluto dare un aiuto concreto a tante famiglie e in favore della ripresa di un’occupazione a tempo indeterminato. Visto l’atteso ed immediato successo di questa misura e il rapido esaurimento delle risorse stanziate, ci muoveremo con decisione nei confronti del nuovo Governo per prevedere nuovi stanziamenti e la possibilità di realizzare in tempi brevi nuovi ulteriori interventi con l e stesse finalità. Comunque con soddisfazione possiamo dire di avere 5.000 disoccupati che si sono dichiarati disponibili a partecipare ad un percorso attivo di ricerca di una nuova occupazione”.
Il 70 per cento dei 30 milioni erano riservati ai disoccupati residenti nelle aree di crisi Livorno, Piombino e il 30 per cento a tutto il resto del territorio regionale. Non si tratta di una misura di meramente assistenziale di sostegno al reddito, ma è un intervento finalizzato alla ricollocazione dei disoccupati. L’indennità è solo una parte del Piano e la sua erogazione è condizionata alla partecipazione ad un percorso di politica attiva e di riqualificazione professionale da parte di disoccupati che sono privi di altri ammortizzatori sociali.
Inizia adesso la parte più impegnativa del Piano: definire, da parte dei Centri per l’impiego e delle Agenzie per il lavoro, i progetti personalizzati di assistenza intensiva alla ricollocazione per tutti i beneficiari e collaborare per trovare nuove occupazioni per i lavoratori disoccupati.
Il presidente della Regione, Enrico Rossi e l’assessore al lavoro, Cristina Grieco hanno ringraziato i lavoratori dei Centri per l’Impiego e i dipendenti del Consorzio Servizi Lavoro per l’ottimo lavoro di accoglienza svolto in questi intensi tre giorni e per ciò che faranno d’ora in poi per dare piena applicazione alla misura. Il modello toscano dei servizi per l’impiego ha saputo dare, nonostante le difficoltà legate allo “stress” delle infrastrutture informatiche, una risposta immediata ad un numero così alto di persone in poco tempo, mostrando professionalità e una competenza.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,