Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

29 Settembre 2020

Al The Cage, Ermal Meta e i Modena City Ramblers


Livorno – 13 aprile. Due appuntamenti top per il The Cage per andare incontro al 25 aprile con il passo giusto. Si comincia sabato 22 con la prima data in Toscana del nuovo tour di Ermal Meta, rivelazione cantautorale nazionale, esploso al Festival di Sanremo, ma già noto come frontman de La Fame di Camilla e autore di canzoni per big quali Patty Pravo, Marco Mengoni, Giusy Ferreri e tanti altri. Il secondo appuntamento è in programma lunedì 24 aprile con i Modena City Ramblers (nella foto): una preparazione di musiche, danze, ritmi vorticosi, in vista della Festa di Liberazione del 25 aprile, ricorrenza imperdibile al The Cage.
Ermal Meta, sabato 22 alle 22,30, è un caso unico: oggi in Italia è l’autore più autorevole (beato il bisticcio di parole); solo negli ultimi due anni sei dischi di platino e quattro ori.
Dopo l’uscita del nuovo disco, a febbraio 2017, Ermal Meta arriva al The Cage per la prima data in Toscana del suo nuovo tour, che poi farà tappa anche a Roma per il gran concerto del 1° Maggio.
La canzone di Sanremo 2017 “Vietato Morire”, con un testo autobiografico sulla violenza familiare è stato da subito premiata con un grande successo proprio per la forza interpretativa, per l’emozione che usa il linguaggio del riscatto e della disobbedienza come reazione. Già nel 2016 Ermal Meta, partecipando al Festival di Sanremo, si è messo direttamente in gioco e i pezzi più trasmessi sono diventati addirittura sette, comprendendo “Odio Le Favole” (presentata al Festival) e la successiva “A Parte Te”, che grazie alla massiccia rotazione radiofonica che l’ha sostenuto per tutta l’estate, è ormai diventata un classico della musica d’autore italiana. Entrambi i brani sono tratti dall’album d’esordio “Umano” i cui rispettivi video hanno totalizzato milioni di visualizzazioni. Nel 2016, anno denso e ricco di impegni (Coca Cola Summer Festival, Asti Musica, Meraviglioso Modugno), soddisfazioni e riconoscimenti (Premio Lunezia, Spazio d’Autore – come migliore autore dell’anno – Premio Città di Ancona) è arrivato l’invito per la partecipazione come Big a Sanremo 2017, che si è concluso per Ermal con il Podio, il Premio Critica Mia Martini e il Premio per la miglior cover. “Vietato morire”, la title track dell’album pubblicato il 10 Febbraio – e posizionatosi al 1° posto nella classifica dei più venduti in Italia – è la canzone che Ermal Meta ha presentato alla 67esima edizione del Festival di Sanremo che si è aggiudicata podio e Premio della Critica Mia Martini e a marzo è stato certificato Disco d’Oro.

Lunedì 24 aprile alle 22.30 sarà la volta dei Modena City Ramblers. Infatti il 25 aprile del Cage Theatre non sarebbe la stesso senza la rivoltosa liberazione musicale dei Modena, che arriveranno al teatrino con il loro nuovo album “Mani come rami, ai piedi radici”, uscito il 10 marzo per l’etichetta della band, con distribuzione Believe, in cd e vinile a tiratura limitata.
Rispetto ai loro ultimi lavori, in questa nuova avventura in studio i Ramblers fanno tutto da soli, con l’eccezione di un’unica collaborazione di enorme prestigio: la band americana Calexico, che impreziosisce di sapori desertici l’ammaliante ballata “Ghost Town”, cantata in inglese e punto di approdo tra orizzonti morriconiani, celtici e tzigani. Un titolo metaforico che ben rappresenta il sentire dei Ramblers nei confronti della vita e del loro percorso artistico: mani e rami che abbracciano, accolgono, cercano, piedi e radici che tengono ben saldi, sostengono e ricordano. Elemento rilevante di queste tredici tracce è la cifra espressiva che, rispetto al doppio cd del 2013 contenente canzoni strettamente legate a episodi di cronaca ed eventi storici, non fa riferimento a espliciti contesti o avvenimenti attuali. Resta invece tutto il mondo espressivo caro alla band, dove la poesia si accompagna alla verve istrionica del dialetto, la dolcezza del viaggio, i fragorosi ritmi balcanici, la verde malinconia irlandese, la passione rossa, che unisce lingue e paesi. Tutti i brani sono stati scritti, arrangiati e prodotti dai Modena City Ramblers. In “Ghost Town” partecipano i Calexico, che hanno registrato le loro parti al Wavelab Studios di Tucson: Joey Burns (voce e chitarra elettrica), John Convertino (batteria), Jacob Valenzuela (tromba). On line: www.bookingshow.it, www.bookingshow.it, www.thecagetheatre.it