Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

24 Settembre 2020

Associazione Don Nesi/Corea: Dibattito “Se dico Rom…” e cinema di marzo


Livorno – 2 marzo. Domani, venerdì 3 marzo alle ore 17,30, nella sede di via la Pira 11, quartiere Corea, l’associazione don Nesi/Corea organizza un dibattito sul tema: “ Se dico Rom….Incontro aperto: come i media raccontano i Rom”. Partecipano: Fanny Gerli, volontaria associazione Naga di Milano e co-autrice della ricerca “Se dico rom…”, Alessandro Guarducci, caporedattore della redazione livornese de “Il Tirreno”; Antonello Riccelli, giornalista di Granducato TV; Sergio Nieri, collaboratore di Telecentro News.
“L’indagine ha messo in luce il ruolo che la stampa ha nel costruire e confermare l’immagine sociale dei rom e come, a prescindere dalle intenzioni, il trattamento che essa fa dei rom possa contribuire a creare nell’opinione pubblica un’idea negativa di queste persone, rinforzando così le barriere che impediscono la piena fruizione dei diritti civili e sociali da parte dei rom. Questo è l’effetto, ed è un effetto discriminatorio. Ma la stampa può essere non solo strumento di esclusione, ma anche di conoscenza e avvicinamento”. Sottolinea l’associazione Naga di Milano, nel report “Se dico rom…”, l’indagine effettuata sugli articoli relativi a cittadini rom e sinti pubblicati sulle testate giornalistiche nazionali e locali.
Durante l’incontro saranno presentati i risultati e le “impressioni” dell’Osservatorio sui rom e media livornesi, realizzato dall’Associazione don Nesi/Corea nell’ambito del progetto “I rom protagonisti si raccontano”, finanziato dal Fondo Nazionale per il volontariato, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Linee di Indirizzo 2014 (Legge 266/1991).
L’associazione per “Cinema in Corea” , proietterà nel mese di marzo tutti i venerdì alle ore 21,30 con ingresso a offerta libera, un ciclo di film su “Questa è la mia terra”. La rassegna a cura di Paolo Gemignani, comprende cinque documentari sulla Palestina, sulla convivenza nella medesima terra, santa e maledetta al tempo stesso, di popoli e persone separate da muri, recinzioni, luoghi di culto, colore della pelle ecc. Gli autori non danno risposte politiche o ideologiche, non indicano soluzioni. Evidenziano tuttavia la necessità del rifiuto del ricorso alle armi, del dialogo, del riconoscimento dell’altro, del rispetto dei suoi diritti, in una terra dove il processo di disumanizzazione pare inarrestabile. Questa terra è anche la tomba di Rachel Corrie, di Vittorio Arrigoni e di altri giovani volontari internazionali che, in nome della nonviolenza e della laicità, hanno pagato il massimo tributo per i loro ideali di pace, giustizia, solidarietà.
Il calendario: Venerdì 3: MADRI di Barbara Cupisti, Italia, 2007 – Venerdì 10: THIS IS MY LAND…HEBRON di Giulia Amati, Stephen Natanson. Italia, 2010 – Venerdì 17: RACHEL di Simone Bitton. Francia, 2008; Venerdì 24 ARNA’S CHILDREN di Juliano Mer Khamis e Danniel Danniel. Germania-Israele, 2004; Venerdì 31 IL VIAGGIO DI GESU’ di Sergio Basso. Italia, 2007 www.associazionenesi.org tel.fax: 0586 424637