Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 24 Febbraio 2020

Borgo protesta per la carenza di parcheggi, mozione popolare discussa in Comune


(Simone Consigli) Livorno, 23 gennaio 2020 – I residenti del quartiere Borgo dei Cappuccini protestano per la carenza dei parcheggi e per la sicurezza stradale. La petizione popolare, promossa da Antonio Morozzi, ha raggiunto l’importante quota di 1000 firme ed è stata discussa ieri, mercoledì 22 gennaio, in Consiglio comunale.

Durante la discussione sono emersi i contrasti e le trattative dell’amministrazione con la società Tirrenica Mobilità che detiene l’appalto per gli stalli blu in città e sono piovute critiche sulla passata amministrazione che ha stipulato il contratto con suddetta società, ancora vigente e valido fino al 2022.

“Non dico che gli stalli blu siano sempre sbagliati”, dichiara l’assessore alla Mobilità, Giovanna Cepparello, “ma questi 13000 che sono stati fatti a Livorno non hanno avuto una pianificazione del traffico e il risultato è stato solo quello di mettere contro negozianti e residenti”.

Una volta terminato il contratto con Tirrenica l’amministrazione ha già reso noto che tenterà di internalizzare il sistema dei parcheggi a pagamento e di cercare di estinguere gli stalli blu delle zone del centro. “Non si può andare direttamente dentro il negozio con la macchina né si può pensare di poter arrivare con la macchina ovunque ed i residenti non dovrebbero condividere il parcheggio con i non residenti”, questa è la linea espressa da Giovanna Cepparello.

Ad oggi dei 13000 stalli ne sono stati tolti 6800 “ed i risultati si vedono già”, sottolinea l’assessore. Quello che impedisce all’amministrazione di trasformare gli stalli blu in bianchi è l’accordo finanziario con Tirrenica che deve coprire l’investimento fatto per i parcheggi (4 euro ogni stallo, ndr), il software ed i parchimetri. La Tirrenica incassa una percentuale del totale condiviso con il Comune di Livorno e ricopre le spese attraverso l’accordo fatto in termini di project financing. Da qui la necessità di ricalcolare gli accordi fatti con questa società. Un nuovo assetto delle cose dovrebbe essere già stabilito a giorni e reso pubblico dall’amministrazione. Per l’estinzione del contratto ci vogliono ancora due anni.

“Alla fine della convenzione gli stalli torneranno bianchi”, promette la Cepparello. “Metteremo veri varchi alle Ztl e le libereremo dagli stalli blu”.

La petizione popolare di Morozzi, scenografo, noto artista di strada, autore di murales e di interessanti opere innovative di arredo urbano, che non per la prima volta si è fatto portavoce del consorzio di residenti e commercianti del quartiere Borgo dei Cappuccini, è stata definita dalla Cepparello “uno splendido esempio di cittadinanza attiva e un lavoro encomiabile”. I residenti chiedono almeno 400 posti auto e il restringimento della carreggiata per alcune strade a tre metri, misura che secondo recenti studi garantirebbe minor velocità dei mezzi e più sicurezza, soprattutto vicino alle scuole.

Borgo dei Cappuccini è un quartiere densamente popolato. Ci sono molti bambini e anziani ed i cittadini si lamentano dell’eccessiva velocità dei mezzi. L’assessore alla Mobilità ha promesso che dopo una ricognizione e nuove misurazioni saranno disegnati i nuovi parcheggi richiesti, mentre per la larghezza delle carreggiate occorrono misurazioni che devono essere fatte a livello governativo per calcolare gli spazi di manovra dei mezzi di soccorso antincendio. Come misura immediata, è previsto l’inserimento di dissuasori presso le scuole del quartiere.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,