Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

29 Settembre 2020

Cevital-Aferpi incontra l’Autorità Portuale. Conferme su Piombino


Livorno, 31 maggio. Durante un incontro con il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Alto Tirreno, Stefano Corsini, il direttore generale esecutivo della Cevital, Said Benikene, e due dirigenti di Aferpi, Amin Rezig e Riccardo Grilli, hanno mostrato di voler dare seguito alle promesse di rilancio dello scalo piombinese, cui è legato anche lo stabilimento siderurgico, offrendo assicurazioni sulla volontà di arrivare entro la fine di giugno con il business plan dettagliato. La notizia giunge da Palazzo Rosciano, sede dell’Autorità Portuale.
I tre si sono soffermati a lungo sui pilastri del progetto riguardante la siderurgia,il settore agroalimentare e le attività di container. I tempi per una risposta definitiva verifica e altrettanto importante conferma sulla realizzazione del progetto sono ridotti. Gli imprenditori dovranno confermare quanto dichiarato oggi al governo italiano e alla Regione Toscana in sede istituzionale. Sindacati e lavoratorisono infatti molto preoccupati dai ritardi. I dirigenti algerini hanno illustrato a lungo, quindi nei dettagli il progetto che si concretizzerebbe in alcuni milioni di tonnellate di merce (crude oil, zucchero, succo d’arancia ), di altre tonnellate di merci varie e di due milioni di tonnellate annue di movimentazioni siderurgiche. In particolare, Cevital ha voluto dimostrare di essere interessata a intensificare i rapporti commerciali tra Algeri e Piombino.
Da parte sua il presidente Corsini ha insistito sull’urgente formalizzazione del piano finanziario e del progetto ad esso collegato, senza i quali non si potrebbe procedere alla realizzazione dell’accordo di programma.
I vertici di Cevital e Aferpi si sono detti interessati alla nuova realtà costituita dall’Autorità di Sistema Portuale: “Livorno dista meno di cento chilometri dal Piombino – ha dichiarato Benikene – e costituisce una opportunità per sviluppare attività logistiche in sinergia, coinvolgendo Piombino e il suo hinterland”. Ha anche posto l’accento sulla necessità di collaborare: ”No one can pull this off on his own (nessuno può farcela con le proprie forze) – ha detto – ma è necessario “get embedded all together”, lavorare insieme per il bene della comunità”. Le dichiarazioni aprono spiragli diversi e anche nuovi sul futuro, finora apparso piuttosto incerto sulle possibilità di recupero dello stabilimento di Piombino, che nei giorni scorsi ha cessato l’attività del settore laminatoi, considerato un fatto estremamente preoccupante per la stessa applicazione degli ammortizzatori sociali. La presenza dei vertici Cevital-Aferpi a Palazzo Rosciano potrebbe rinvigorire il percorso su Piombino e avere riflessi positivi anche sulla portualità livornese. Nelle prossime settimane la situazione dovrà essere chiarita con una decisione, che tutti auspicano positiva.
Nella foto da sinistra: Massimo Provinciali, segretario generale dell’Autorità Portuale di Livorno; Stefano Corsini, presidente dell’Adsp; Roberta Macii, dirigente dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Alto Tirreno; Riccardo Grilli, direttore Risorse Umane, Organizzazione Relazioni Esterne di Aferpi; Said Benikene, direttore generale di Cevital; Amin Rezig, Procurement and Supply Chain director di Aferpi.