Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

20 Gennaio 2021

Coronavirus, due casi in Toscana ma deve dirlo l’Iss


Firenze, 25 febbraio 2020 – Due sospetti casi di coronavirus si sono registrati in Toscana. Si tratta di due uomini che sono risultati positivi al convid-19. La loro positività deve essere validata a Roma dall’Iss, l’istituto superiore di sanità. Non è escluso che già entro la serata di oggi, martedì 25 febbraio, al massimo domani, vengano rese note le risultanze delle controanalisi svolte all’Istituto superiore di sanità.

Il primo, a Pescia, riguarda un informatico di 49 anni rientrato giovedì sera da Codogno, Lombardia, dove ha soggiornato tre giorni per lavoro. Fin da venerdì si è messo in autoisolamento volontario su indicazione del medico di famiglia e sotto sorveglianza della Asl. Ieri mattina, lunedì 24, a seguito di un picco febbrile, ha contattato le strutture sanitarie che gli hanno mandato un’ambulanza del 118 a casa per portarlo, in isolamento, in ospedale a Pistoia per tutti gli accertamenti.  L’uomo al momento è in buone condizioni di salute, in isolamento nel reparto di malattie infettive.

Il secondo caso, sospetto anch’esso,  riguarda invece un imprenditore fiorentino di 63 anni che ieri mattina, lunedì 24, alle 7.30, si è recato al pronto soccorso di Santa Maria Nuova con sintomi influenzali e difficoltà respiratorie ed è stato poi trasferito a Ponte a Niccheri in isolamento, nel reparto di malattie infettive. E’ stabile e non intubato.

Per quanto riguarda invece la donna prelevata ieri sera dalla stazione di Santa Maria Novella in isolamento, come prescritto dal protocollo sanitario del Covid19 da subito applicato in Toscana, è stata condotta all’ospedale di Careggi e sottoposta a tampone che ha dato esito negativo.

La Regione puntualizza che i test per il Covid-19 non sono uno screening da effettuare a tappeto. In base alle linee guida nazionali e così come accade in tutte le regioni, i tamponi faringei vengono effettuati solo in presenza di sintomi che definiscano un quadro come sospetto o a coloro che hanno avuto contatti stretti con un caso confermato o sospetto.