Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 10 dicembre 2018

Da Magritte a Duchamp. 1929, il Grande surrealismo dal Centre Pompidou


(Donatella Nesti) Pisa, 11 ottobre 2018. Torna a Palazzo Blu di Pisa la grande arte internazionale come è ormai consuetudine nel mese di ottobre. Da 10 anni Il Palazzo Blu ospita mostre memorabili per la gioia degli appassionati, dei turisti ed anche di chi gestisce attività commerciali perchè alla crescita culturale si abbina sempre la crescita economica come ha ricordato il Sindaco di Pisa Michele Conti nel presentare l’iniziativa alla stampa.” Da Magritte a Duchamp. 1929, il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou”, la grande mostra che Palazzo Blu è orgoglioso di presentare, conclude un ciclo iniziato due anni fa con Salvador Dalí e riprende la collaborazione con il Centre National Georges Pompidou, alla quale si deve lo straordinario successo di ‘Modigliani et ses amis’ di tre anni or sono” ha poi aggiunto Cosimo Bracci Torsi, Presidente della Fondazione Pazzo Blu: ”La mostra ‘Da Magritte a Duchamp’ si tiene inoltre nel decimo anno di attività di Palazzo Blu ed è l’iniziativa più importante fra le molte organizzate per ricordare questo anniversario. Nel suo antico palazzo sul lungarno pisano in questi primi dieci anni di attività la nostra Fondazione, che vi gestisce anche l’esposizione permanente delle sue collezioni d’arte, ha realizzato una serie di mostre annuali sui principali artisti del Novecento che ha superato il milione di visitatori, e che è iniziata con Chagall e proseguita, fra gli altri, con Mirò, Kandinskij e Modigliani fino a Escher nell’inverno scorso.”
Opere straordinarie, fra pitture, collages, sculture, fotografie e disegni, tutte provenienti dal Centre Pompidou, ordinate in un percorso curato da Didier Ottinger, direttore aggiunto del Centre Georges Pompidou e fra i massimi studiosi al mondo del Surrealismo, raccontano così l’apogeo di questo movimento. Ottinger, tra i luminari dell’istituzione museale francese, curatore di fama internazionale, tra i massimi esperti al mondo dell’opera di Magritte, di Picasso e del Surrealismo quale movimento, ha messo insieme per quest’occasione un’impeccabile corpus di capolavori che accompagneranno i visitatori di Palazzo BLU a scoprire le meraviglie di quel Surrealismo che ha profondamente mutato l’arte del XX secolo. Sono circa 150 le opere, tra capolavori pittorici, sculture, oggetti surrealisti, disegni, collage, installazioni, fotografie d’autore e documenti d’archivio arrivati a Pisa per mostrare la straordinaria avventura dell’avanguardia surrealista, attraverso i capolavori prodotti al suo apogeo e dunque intorno all’anno 1929 un’annata cruciale per il gruppo di artisti che in quegli anni operava in quella Parigi fucina delle Avanguardie e capitale dello sviluppo artistico mondiale. Anno catastrofico per la memoria collettiva (crollo dell’economia, crisi dell’Internazionale comunista etc.), il 1929 segna anche una svolta decisiva nella storia del Surrealismo. In quell’ anno il teorico del movimento André Breton e il poeta Louis Aragon cercano di modificare il movimento dalle sue fondamenta teoriche. Questo nuovo approccio non trova tutti i membri d’accordo e sembra creare una insanabile frattura all’interno del gruppo stesso.
Il dipinto scelto per celebrare la mostra è di René Magritte Il doppio segreto[1927] Olio su tela (nella foto sopra) e non poteva mancare la Gioconda con i baffi: “La Gioconda è così universalmente nota e ammirata da tutti che sono stato molto tentato di utilizzarla per dare scandalo. Ho cercato di rendere quei baffi davvero artistici”: Marcel Duchamp (nella foto a fianco)/. Attraverso la quasi totalità dei capolavori surrealisti conservati dall’istituzione francese di René Magritte, Salvador Dalí, Marcel Duchamp, Max Ernst, Giorgio De Chirico, Alberto Giacometti, Man Ray, Joan Miró, Yves Tanguy, Pablo Picasso e molti altri, questo ambizioso progetto scientifico mira a presentare le opere, le interazioni, le visioni estetiche dei principali artisti surrealisti considerati per antonomasia tra i più grandi Maestri del Novecento.

BLU | Palazzo d’arte e cultura . +39 050 220.46.50 | info@palazzoblu.it. Lungarno Gambacorti 9, Pisa
dall’11 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019. Orari: Lunedì-Venerdì 10.00 – 19.00. Sabato-Domenica e festivi 10.00 – 20.00. (La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura). Info e prenotazioni:02 92897755 – www.vivaticket.it. Informazioni online e social: www.surrealismopisa.it #‎mostramagrittepisa www.mondomostre.it www.palazzoblu.org donatellanesti@libero.it

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,