Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

giovedì 20 giugno 2019

Denuncia contro ignoti per la vite nel piatto di un bambino alle Thouar


Livorno, 22 marzo 2019 – Una denuncia contro ignoti è stata presentata dalla vicesindaco di Livorno, Stella Sorgente, dopo il ritrovamento di un corpo estraneo, esattamente una vite, nel piatto di un bambino alle scuole primarie Thouar nel rione delle Sorgenti.

“Ho appreso ieri pomeriggio del ritrovamento di una vite nel piatto di un bambino della scuola Thouar e questa mattina ho sporto denuncia per quanto accaduto”, afferma in una nota la vicesindaco. “La Magistratura dovrà accertare come sia potuta finire lì quella vite e chi sia responsabile di questo fatto inaccettabile. Il nostro ufficio Scuola, già da ieri al lavoro con le sue verifiche sul caso, è a completa disposizione delle autorità per fornire la massima assistenza. Ma, a prescindere da questo percorso giudiziario, è già chiaro che qualcuno dovrà chiudere i rapporti con la nostra amministrazione”.

La vicesindaco Sorgente, poi, prosegue: “Proprio due giorni fa il segretario generale del Comune (Alberto Bignone, ndr) e la dirigente del settore Scuola (Donatella Falleni, ndr) hanno incontrato l’Ati che gestisce il servizio di ristorazione scolastica. Hanno spiegato al capofila e alle altre imprese collegate che, già per quanto accaduto a gennaio, la nostra fiducia nel loro sistema di controllo è finita e per tenere l’appalto avrebbero dovuto pagare all’amministrazione comunale un servizio di verifica ulteriore e indipendente, gestito da una ditta specializzata scelta ( ( da noi”. E precisa: “Questo, ovviamente, oltre all’inevitabile sanzione per quanto accaduto, una sanzione che avremmo destinato proprio all’inasprimento dei controlli. Ma dopo quella vite, questo non basta”.

L’intervento della Sorgente si conclude così: “Oltre alla denuncia, ho chiesto al segretario la convocazione urgente del capofila dell’Ati. Qui qualcuno deve cambiare mestiere e non entro nel merito di scelte sui lavoratori che riguardano queste imprese. Qui chi ha sbagliato è la filiera del controllo. E per quanto mi riguarda deve aver sbagliato per l’ultima volta”.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,