Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

26 Settembre 2020

Dopo la polemiche, torna alla Regione la gestione delle Porte Vinciane


(Massimo Masiero) Livorno – 8 marzo. La gestione delle porte vinciane tornerà alla Regione Toscana entro il 31 luglio di quest’anno. E’ una notizia che giunge da Firenze, dove la giunta regionale ha approvato un accordo, che sarà sottoscritto con il Comune di Pisa, l’ente che è attualmente incaricato della gestione delle chiuse (nella foto una fase di riparazione avvenuta in passato) che disconnettono il Canale Navicelli dalla Darsena Toscana del Porto di Livorno e che, per la verità, ha suscitato in passato qualche polemica e molti dubbi sui risultati concreti della gestione stessa. Era accaduto che in passato, anche recente, gli operatori portuali livornesi si erano lamentati perchè il funzionamento delle porte situate nella zona dello Scolmatore, per la loro eccessiva “apertura” oraria, favorissero l’ingresso di materiale sabbioso proveniente dai corsi d’acqua della zona pisana, che va a posarsi sui fondali dello scalo marittimo e con il trascorrere del tempo finiscono per recare nocumento alla navigazione. Perplessità e dubbi respinti da parte della gestione attuale, che tuttavia hanno innescato dure prese di posizione specialmente da parte livornese. E lo conferma quanto affermato dalla Regione, che ha confermato come la gestione delle Porte vinciane in passato ha più volte generato discussioni. La loro apertura, infatti, da una parte permette alle imbarcazioni di passare dal mare al Canale Navicelli attraversando solo un breve tratto dello Scolmatore mentre, dall’altra, può contribuire all’insabbiamento del Porto, rendendo necessario il dragaggio, a causa del depositarsi sul fondo dei sedimenti portati dallo Scolmatore dell’Arno.
Le porte vinciane pertanto saranno riportate alla piena efficienza con interventi effettuati dalla società Navicelli spa, grazie anche ad un finanziamento regionale di 430.000 euro. I lavori dovranno concludersi entro il 27 luglio 2017 e successivamente, prima della fine del mese di luglio, dovrà avvenire la consegna formale della “chiave” delle porte vinciane alla Regione, che si occuperà della loro gestione tramite l’Autorità Portuale Regionale, incaricata della gestione delle vie d’acqua navigabili (oltre che dei porti commerciali regionali di Viareggio, Isola del Giglio, Porto Santo Stefano e Marina di Campo).
“Alla luce del confronto di questi mesi e valutati tutti gli elementi di preoccupazione che il tema della gestione delle porte comporta per il territorio e, in particolare, tra gli enti interessati dal loro funzionamento – ha spiegato l’assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli – la Regione ha valutato opportuno delegare la gestione all’Autorità Portuale Regionale, a garanzia di tutte le legittime aspettative dei soggetti in campo, una volta eseguite le operazioni di riparazione”. masierolivorno@gmail.com