Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

30 Settembre 2020

Dopo l’exploit di Grillo al Teatro Goldoni: indicati i giornalisti presenti


(Enrico Dello Sbarba) Livorno – 2 maggio. In attesa che l’Ordine Nazionale dei Giornalisti ed anche quello regionale prendano una drastica e dura posizione contro il perpetuarsi degli attacchi di Grillo alla stampa italiana, dopo l’exploit del 28 maggio al Teatro Goldonii dove, con il prezzo dei
biglietti di ingresso che variavano da 40 a 30 euro, il comico-politico ha lanciato l’ennesimo anatema additando dal palco i giornalisti presenti , finalmente qualche voce preoccupata sembra farsi sentire.
Durante il suo “costoso” spettacolo a cui hanno partecipato circa 700 spettatori, in gran parte fans dei 5Stelle, provenienti da diverse località della Toscana, “il gurù” si è rivolto ai giornalisti presenti e con il tono minaccioso che lo contraddistingue ha dichiarato: “Dicono che sono io pericoloso per l’informazione. Guardateli in faccia e ricordatevi di loro”.
Una minaccia che ha convinto e costretto alcuni parlamentari a rivolgersi al Ministro degli Interni Minniti mettendo nel giusto
rilievo la pericolosità di queste sciocche minacce tali da mettere a rischio la stessa incolumità dei giornalisti.:. di sprovveduti ed esaltati ne è pieno il mondo.
Accennavamo “al colpevole silenzio degli organismi che dovrebbero tutelare la dignità ed il prestigio della categoria: qua siamo in presenza
di un ” discusso personaggio”, che da irresponsabile indica, e non solo in occasione della sua visita “ben pagata” a
Livorno, ma in tante altre località, i giornalisti di ogni testata, colpevoli di criticare, qualche volta, scelte politiche degli esponenti del M5Stelle minando dalle fondamenta essenziali principi democratici,tra i quali vi è indubbiamente la libertà di stampa.
Vogliamo augurarci che le dichiarazioni e gli appelli rivolti da alcuni esponenti politici, per il momento appartenenti al Partito Democratico (fa un certo effetto il silenzio dei parlamentari della destra e della sinistra dello schieramento politico) trovino immediata rispondenza sia nel Governo che nella Magistratura fino ad oggi troppo silenti : la storia ci dice che ignorare o sottovalutare le minacce, specialmenrte se rivolte ad intimorire gli organi di informazione, può avere effetti devastanti in tema di libertà e di mancato rispetto dei più elementari principi democratici.
Qua non è più il tempo di scherzare: il pericolo che questa forza politica, che fa del qualunquismo e del fanatismo populista i suoi punti di forza , facilitata da una permanente crisi dei partiti, riesca a conquistare la maggioranza nel paese e ci conduca verso pericolose avventure , può divenire reale: ed allora le Istituzioni, quando necessario, debbono intervenire a difesa di libertà essenziali come quelle della stampa e della informazione in genere.
Enrico Dello Sbarba è direttore del mensile “Il Centro”