Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

20 Gennaio 2021

Due anni fa la tragedia di Jacopo, omicidio stradale ancora senza colpevoli


(Marco Ceccarini) Livorno, 3 marzo 2019 – Come oggi, 3 marzo, esattamente due anni fa, il giovane Jacopo Pieri venne ucciso da un’auto pirata in via Sicilia, angolo via Bedarida, al confine tra i rioni di Colline, Coteto e Salviano. Era un venerdì. Quest’anno il 3 marzo cade di domenica.
Ed è una domenica triste, quella odierna, nel ricordo di un omicidio stradale che ancora risulta insoluto.
Jacopo, 17 anni, stava tornando a casa in motorino dagli allenamenti di calcio. Stava percorrendo via Sicilia quando all’altezza di via Bedarida, secondo la ricostruzione dei fatti, un’auto gli tagliò la strada, provocando l’impatto che lo fece sbalzare dalla sella facendolo finire sull’asfalto, dove una seconda auto che proveniva dal lato opposto, sempre secondo la ricostruzione ipotizzata, lo avrebbe definitivamente investito.

Le indagini non hanno portato a nessuna conclusione. Inutile, finora, è stata la richiesta di utilizzare le immagini satellitari in possesso, così pare, delle autorità militari degli Stati Uniti. Gli inquirenti, grazie a tali immagini, avrebbero potuto e potrebbero chiarire la dinamica dell’incidente, consentendo alla famiglia di avere un po’ di giustizia.

Al di là delle immagini satellitari, in ogni caso, sarebbe importante che chi, anche involontariamente, ha provocato la morte di Jacopo, si costituisse. Sarebbe il modo non solo per dare alla famiglia una qualche risposta, ma anche per lui o lei, autore od autrice del fatto, la possibilità di far pace con la propria coscienza, perché non deve essere affatto facile vivere con il peso di una tragedia del genere sull’anima.