Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

sabato 18 Gennaio 2020

Easy to read, pubblicati i pannelli informativi della mostra di Modigliani


(Simone Consigli) Livorno, 20 dicembre 2019 – Un passo fondamentale in nome dei diritti dei disabili alla fruizione dei servizi è stato fatto ieri, giovedì 19 dicembre, al Museo della città in piazza del Luogo Pio. Per la mostra “Modigliani e l’avventura di Montparnasse” sono stati pubblicati i fascicoli informativi e la brochure tradotti in “Easy to read”, una formula di comunicazione aumentativa-alternativa pensata per chi ha disabilità intellettive, sensoriali, relazionali e comunicative.

Il progetto è stato promosso dall’assessorato al Sociale del Comune di Livorno e dalle associazioni Capire un’H, Comunico, Anffas e Autismo Livorno.

“Questo è un regalo di Natale che il Comune e le associazioni fanno alla città”, dichiara Andrea Raspanti. “Un’idea e un contributo importante e innovativo, perchè esistono le barriere fisiche e architettoniche e non, questa nuova pubblicazione permetterà ai disabili con disturbi relazionali, ad esempio gli autistici, di accedere alla comprensione del messaggio culturale della mostra e quindi ad allargarne la fruizione”.

Easy to read, il linguaggio facile da leggere e da scrivere, è parte del progetto europeo Pathways-Creazione di percorsi di apprendimento permanente per adulti con disabilità intellettiva, promosso dalla rete Inclusion Europe, l’associazione europea per i diritti delle persone con disabilità intellettiva. Si è trattato di un vero lavoro di traduzione, che ha coinvolto anche le persone con disabilità dirette dall’Anffas.

Sono stati tradotti i pannelli espositivi che si trovano lungo il percorso della mostra di Modigliani e i disabili che hanno partecipato alla traduzione insieme agli educatori, un’opera lunga e difficile coniugata alle attività settimanali, hanno seguito corsi di formazione obbligatori e alla fine del lavoro hanno ricevuto un compenso sotto forma di voucher. Il prodotto finale è stato inviato a Roma dove ha passato le verifiche necessarie per ottenere il marchio “Easy to read”, apposto sulle pubblicazioni.

Il linguaggio “Easy to read” prevede l’utilizzo di parole semplici, senza metafore, acronimi, inglesismi o abbrevazioni, utilizza frasi brevi rivolte direttamente al lettore, usa il tempo presente e il passato semplice, caratteri chiari e grandi (Arial o Verdana calibro 12-14), parole chiave di facile intuizione, punteggiatura semplice, un concetto ogni riga, prevede numerazione delle pagine, brevità del testo e immagini chiare, realistiche e coerenti con i contenuti. La sperimentazione di “Easy to read” ha dimostrato l’utilità di questo linguaggio non solo per i disabili ma anche per gli stranieri, i bambini e gli anziani, tale sistema si è rivelato particolarmente utile per la fruizione dei servizi territoriali e per la comprensione dei bandi e delle comunicazioni all’interno dei documenti ufficiali o nei pannelli informativi delle scuole e degli ospedali.

La brochure ed i fascicoli redatti per la mostra di Modigliani sono disponibili alla reception del museo gratuitamente mentre all’interno del percorso espositivo non è stato possibile esporre i pannelli tradotti per problemi legati all’allarme di vicinanza installato su tutte le opere. Sempre sul fronte dei diritti dei disabili l’amministrazione annuncia che da ieri è possibile richiedere la visita guidata alla mostra in lingua Italiana dei Segni (Lis) per gruppi di non udenti telefonando allo 0586-824551/567 oppure tramite mail a museodellacittà@comune.livorno.it. Inoltre si segnala che la mostra è accessibile anche per chi abbia disabilità motorie e che grazie alla collaborazione con l’associazione Paraplegici Livorno è possibile richiedere un servizio navetta gratuito per chi proviene dalla stazione ferroviaria di Livorno o dall’aeroporto di Pisa, prenotando il servizio via mail a info@paraplegicilivorno.it, infine presso il museo sono presenti sei posti auto per chi ha il tagliando dell’handicap.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,