Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

28 Settembre 2020

Festa de L’Unità: domani Debora Serracchiani


Livorno, 25 luglio. Domani, mercoledì 25 luglio, alla Festa de L’Unità, alla Rotonda d’Ardenza, nello Spazio Dibattiti, alle ore 21,15, si terrà l’incontro sul tema:”L’azione riformista del Partito Democratico:un passo dopo l’altro, cambiamo l’Italia”. Interverrà Debora Serracchiani, Presidente del Friuli Venezia Giulia e membro della Segreteria Nazionale PD. Sarà intervistata dal caporedattore de Il Tirreno Alessandro Guarducci.
Disinformazia il 28 a Spazio Libri
Venerdì 28 luglio alle 20,45 nello spazio libri. Francesco Nicodemo autore di Disinformazia, ed.Marsilio, illustrerà il suo libro, presentato da Simone Lenzi. Si affronterà il tema: “La comunicazione al tempo dei social media”
Undici anni fa «Time» incoronò persona dell’anno «You»: «You control the Information Age. Welcome to your world» si leggeva in copertina. Ma è davvero così? Siamo noi a controllare l’informazione grazie alla rete? A ben vedere, il «rumore di fondo» ha preso il sopravvento, disorienta i cittadini e ne influenza le decisioni. Vaccinare i propri figli, iniziare una terapia medica, fidarsi della scienza o lasciare che si insinui il dubbio, mettendo in discussione certezze ormai acquisite? E come agire da elettori consapevoli? È possibile operare una scelta ponderata sottoposti come siamo al fuoco di fila di notizie inesatte, falsi allarmismi, parole di odio? Francesco Nicodemo prova a smascherare in questo libro le distorsioni che agiscono sulla nostra percezione della realtà. In ballo vi è la vittoria tra due visioni contrapposte: un mondo ripiegato su se stesso e sulle sue paure, che propone ricette anacronistiche a problemi sempre nuovi, e uno aperto, ottimista, orientato al progresso. Sullo sfondo, una profonda convinzione: la risposta più decisa deve arrivare dalla politica. In che modo? «Coinvolgendo, dialogando, usando in maniera costruttiva le potenzialità offerte dal digitale, facendo sentire ciascuno protagonista di un progetto comune».