Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

28 Ottobre 2020

Fondazione Livorno, interventi sul territorio e bando 2018


(Gianni Giovangiacomo) Livorno, 14 febbraio – La Fondazione Livorno ha reso noto, durante un incontro pubblico, l’entità dei contributi concessi e il Bando 2018. L’incontro è stato aperto dal dottor Riccardo Vitti, presidente della Fondazione, che ha dato subito la parola al Vice presidente, Marcello Murziani, che ha condotto un’ ampia disamina sulla situazione italiana: circa otto milioni di cittadini vivono in povertà, le nascite hanno subito un calo di 100 mila unità mentre è aumentata l’aspettativa di vita. Dobbiamo inoltre affrontare una “povertà educativa”, ci sono infatti tanti giovani scoraggiati, i così detti neet che non cercano più il lavoro e la disoccupazione giovanile è la più alta in Europa. Ci troviamo di fronte -ha continuato Murziani- ad una “società in emergenza” dove aumentano i bisogni e diminuiscono le risorse. La crisi ha colpito i mercati e le aziende e quindi la Fondazione ha avuto difficoltà nel reperire nuovi fondi per cui anche le erogazioni vengono a diminuire. Tutto ciò impedisce alla Fondazione di confermare le erogazioni precedenti con una diminuzione annua da tre a due milioni di euro, auspichiamo però un futuro più ottimistico consci, come diceva Einstein, che “una vita può essere vissuta solo se si fa qualcosa per gli altri”. La Segretaria generale della Fondazione, Luisa Terzi, ha illustrato il documento triennale 2018-20 e la programmazione per il 2018. Operiamo -ha detto- con risorse certe dovute agli anni precedenti perché gli investimenti bancari negativi sono andati ad erodere i redditi della Fondazione determinando un avanzo d’esercizio pari a zero. Nel triennio 2018-2020 si potranno erogare 2 milioni di euro all’anno con una riduzione del 36% rispetto al triennio precedente e quindi con una capacità di spesa molto inferiore. Per questo motivo sono state fatte delle scelte strategiche con l’esigenza di concentrare gli interventi su cultura ed educazione, contrasto alle fragilità e promozione della salute. In pratica vengono stanziati 900 mila euro per volontariato e beneficenza, 500 mila euro per arte e cultura, 450 mila euro per l’educazione, 150 mila euro per la salute pubblica e cure palliative.

I progetti realizzati
I ringraziamenti degli enti beneficiati. Prima la Diocesi di Livorno. E’ intervenuto il Vescovo monsignor Simone Giusti che ha parlato della ristrutturazione di alcune chiese: quella di San Ferdinando, in alcuni anni, ha avuto un intervento di manutenzione straordinaria per l’altare e il blocco marmoreo; quella votiva del Soccorso, voluta dal popolo livornese in occasione del colera, un intervento riguardante il tetto, la totale imbiancatura, e il ripristino dei luminosi colori ottocenteschi, “una chiesa -ha suggerito il vescovo- che si presta all’installazione di opere di arte contemporanea. Per Santa Caterina l’intervento ha riguardato la singolare caratteristica della volta interna e della volta esterna, dalla nuova copertura si è poi passati al restauro della “lanterna” creando anche un percorso in sicurezza per le persone che vi vogliono accedere, anche le strutture in pietra serena molto deteriorate hanno avuto bisogno di accorgimenti.
Il dottor Giuseppe Argentieri, a nome della Flac (Fondazione Livorno Arte e Cultura) ha messo in risalto la realizzazione di due mostre di pittura: una dedicata a Pierino Fornaciari, che ha avuto come seguito un laboratorio didattico che ha coinvolto nove classi di bambini delle Scuole elementari, mentre la seconda mostra è stata dedicata a Ferdinando Chevrier. Il Festival dell’umorismo “Il senso del ridicolo” non si è tenuto perché la sua programmazione era vicina ai giorni dell’alluvione di Livorno, per cui la somma di denaro prevista per la realizzazione è stata invece devoluta ed ampliata a favore delle persone danneggiate dall’alluvione. Il dottor Argentieri ha evidenziato che quest’anno avrà luogo una Mostra Napoleonica in cui, in accordo con la Cassa di Risparmio di Firenze che li possiede, saranno visibili 1500 soldatini di piombo degli eserciti napoleonici. Si effettuerà anche una mostra sul pittore Ferruccio Rontini e verrà confermato il Festival del sorriso.
La professoressa Giovanna Colombini ha ringraziato per la convenzione a favore del Corso di laurea in Economia e legislazione dei sistemi logistici, ormai consolidato in termini di numeri e di visibilità, è stato inoltre approvato dal Senato Accademico Pisano un Corso di Laurea in Logistica Magistrale (5 anni) che può essere il preludio ad un futuro Dottorato.
Il Bando
La dottoressa Meucci di Fondazione Livorno ha poi evidenziato alcune caratteristiche del Bando 2018 che prevede una diminuzione delle aree di intervento contributivo. Rimarranno infatti escluse le ambulanze e i mezzi di trasporto e l’erogazione massima ottenibile sarà di 20 mila euro. Inoltre gli enti richiedenti, come garanzia di base, dovranno essere costituiti da almeno due anni. Bisognerà seguire due date di scadenza con precisi adempimenti, il modulo di richiesta dovrà pervenire al sito della Fondazione entro e non oltre le ore 13 di mercoledì 28 febbraio 2018, il modulo dovrà poi essere stampato e sottoscritto dal legale rappresentante e trasmesso al sito entro le ore 13 di venerdì 9 marzo 2018. Si tratta di un documento obbligatorio da cui non si può derogare, gli obiettivi del Bando riguardano la lotta alle vecchie e nuove povertà, il disagio sociale e la disabilità, è necessario prestare attenzione a tutto ciò che il Bando richiede e comunque la Fondazione può essere sempre chiamata in caso di bisogno.
Altri enti beneficiati
La vice sindaco, Stella Sorgente, ha messo in risalto il positivo connubio tra Comune e Fondazione sul progetto Asili nido comunali e Scuole dell’infanzia riguardante la fascia d’età 0-6 anni. Si tratta di intervenire su famiglie particolarmente svantaggiate segnalate dai servizi sociali e dai servizi educativi. Dei 220 posti di bambini in carico al Comune 27 sono stati presi sotto la tutela della Fondazione, in futuro si cercherà di dare risposte ai progetti sulla disabilità e sul bullismo.
Sono stati poi illustrati alcuni progetti finanziati dalla Fondazione per la Provincia di Livorno. Così l’assessore al Comune di Piombino Margherita De Giorgi ha chiarito come è stata contrastata la perdita della casa di alcuni cittadini per morosità incolpevole, questo è potuto avvenire grazie all’accompagnamento alla conduzione di una locazione con un sostegno mensile. L’assessore Lia Burgalassi del Comune di Cecina in tema di nuove povertà e di emergenza abitativa, ha specificato che in seguito alla perdita dell’alloggio si è dato un sostegno alle famiglie (103) con il contributo della Fondazione affinché ritornino ad avere una vita normale.
Ben tre sono stati gli interventi per l’Isola di Capraia, l’architetto Franco Maffeis dell’Associazione Amici di Sant’Antonio ha parlato del restauro degli intonaci e degli apparati decorativi della facciata della seicentesca chiesa di Sant’Antonio (oggi sconsacrata) a cui ha fatto seguito il restauro dell’altare maggiore, della facciata laterale e di quella interna, “una memoria storica” cara ai capraiesi. Marco Romano ha poi illustrato il “Capraia Musica Festival”, un festival di qualità che omaggia la musica classica e i concerti jazz. Alessandro Baldi ha ringraziato la Fondazione per l’acquisto di una ambulanza per il trasporto dei malati ematologici che sono i fruitori della Casa Vacanze AIL di Capraia. La Fondazione ha finanziato anche una Compagnia operante in ambito teatrale in zona Fabbricotti che si propone di realizzare un Festival Teatro Ragazzi. Infine per la Scuola media Borsi ha sponsorizzato un atelier digitale creativo e punto di incontro tra manualità, artigianato e territorio. Nel concludere l’incontro il Presidente Riccardo Vitti ha ricordato che l’obiettivo della Fondazione è quello del mantenimento a tutti i livelli del patrimonio culturale e sociale cittadino con la qualità dei progetti che vengono finanziati.