Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

mercoledì 20 Novembre 2019

La prima in Toscana di Un tram che si chiama desiderio inaugura la stagione di prosa del Goldoni


(Angela Simini) Livorno, 28 ottobre 2019 – Il capolavoro di Tennessee Williams, ossia “Un tram che si chiama desiderio”, inaugura la stagione di prosa al Teatro Goldoni di Livorno domani, martedì 29, alle ore 21.

Lo spettacolo, dopo il fortunato debutto a Pesaro, giunge a Livorno come prima tappa in Toscana. La pièce, uscita nel 1947, ha conquistato il grande pubblico del teatro e del cinema fino alla conquista del premio Pulitzer per la drammaturgia nel 1948.

Arriva al Goldoni in veste nuovissima con due grandi protagonisti: Mariangela D’Abbraccio, reduce dai successi di Filumena Marturano, regia di Lina Cavani, riveste il ruolo di Blanche Du Bois, mentre Daniele Pecci, volto notissimo della TV e del cinema, sarà Kowalsky. Al loro fianco incontriamo Angela Ciaburri, Stefano Scandaletti, Gabriele Agnani, Erika Puddu e Massimo Odierna. Firma la regia, le scene e i costumi Pier Luigi Pizzi, che ha fondato con Rossella Falk, Giorgio De Lulli e Romolo Valli la Compagnia dei Giovani. Scenografo, costumista e regista, Pizzi ha dato al teatro spettacoli di eccezionale livello, sia di prosa che di lirica.

Tennessee Williams è il drammaturgo che alza il velo sulla ipocrisia della famiglia e della società americana, rivelandone l’aspetto nascosto ed affronta i temi dell’omosessualità, del maschilismo, del tradimento, della femminilità maltrattata, della falsa moralità, del disagio mentale, del vizio e della corruzione. Il testo, ambientato a New Orleans negli anni ’40, narra la storia di Blanche Du Bois, che, rimasta vedova, si trasferisce in casa della sorella Stella, moglie di un uomo di origine polacca, rozzo e volgare, Stanley . Blanche , che ha alle spalle un matrimonio sfortunato con un marito omosessuale, cerca conforto nell’amicizia con Mitch, amico di Stanley, che però renderà dura la vita alla cognata tanto da portarla alla pazzia. La pièce, nella traduzione di Masolino D’Amico è prodotto da Gitiesse Artisti Riuniti, in collaborazione con la Pirandelliana e in collaborazione con Amat.

Biglietti in vendita al Botteghino del teatro da martedì al sabato dalle 16.30 alle 19.30. tel. 0586 204290. In vendita nei punti TicketOne o collegandosi al sito: www.goldoniteatro.it.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,