Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

23 Gennaio 2021

Le nozze di Figaro il 23 novembre al Goldoni per la seconda serata della lirica


(Angela Simini) Livorno, 21 novembre 2019 – Secondo appuntamento con la lirica al Teatro Goldoni di Livorno con una delle più celebri opere di Mozart: “Le nozze di Figaro” (tratto da “Le mariage de Figaro” di Beaumarchais) che va in scena sabato 23 novembre h. 20.30 con replica domenica h.16.00 come nuovo allestimento del Teatro Sociale di Rovigo, coproduzione del Teatro Goldoni di Livorno, Verdi di Pisa e Giglio di Lucca. Commedia per musica in quattro atti di Wolfang Amadeus Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte, l’opera fa parte della trilogia di composizioni scaturite dalla collaborazione del musicista austriaco con lo scrittore italiano insieme con “Così fan tutte” e “Don Giovanni” e

manca dalle scene livornesi dal 1823, quando andò in scena al prestigioso Teatro degli Avvalorati. Un grande ritorno dunque che va ad aggiungersi al Progetto Mozart, perseguito dall’allora Cel -Comitato Estate Livornese, oggi Fondazione Goldoni, a partire dal 1999 quando per la regia di Lindsay Kemp si allestìn “Il flauto Magico”, al quale fece seguito nel 2012 “Le seduzioni del Don Giovanni” al Teatro Goldoni, quindi nel 2013 “Così fan tutte” e nel 2016 un nuovo allestimento del Flauto Magico, ancora per la regia di Lindsay Kemp.

Il ritorno dell’opera si inquadra nel progetto toscano ideato dai teatri Goldoni, Verdi e Giglio di riproporre al completo la trilogia mozartiana sui libretti di Da Ponte, nel succedersi dei due anni successivi. Teniamo presente l’interesse e il legame che un ì Mozart alla Toscana, dove, ancora giovanisssimo, in un viaggio col padre incontrò a Firenze il compositore livornese Pietro Nardini e i letterati Marco Cotellini e Giovanni De Gamerra, col uqale collaborò alla stesura di Lucio Silla.

Questo allestimento, come il precedente dittico Cavalleria rusticane e Suor Angelica, punta sui giovani a partire del direttore d’orchestra Jacopo Sipari di Pescasseroli, già affermatosi nel Festival Pucciniano di Torre del Lago, e dal regista Massimo Gasparon Pizzi Contarini, allievo del più famoso Pier Luigi Pizzi . Ricordiamo i soprani Giulia De Blasis, Maria Salvini, Alessandra Rossi Trusendi, Silvia Lee, Marily Santoro e Marta Mari. Tra le voci maschili incontriamo i tenori Nicola Ziccerdi e Matteo D’Apolito, i baritoni Salvatore Grigoli e Wellington Moura.

Particolare attenzione alla compagine orchestrale, le brava Orchestra della Toscana, al Coro Lirico Toscano, diretto da Chiara Mariani.