Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

domenica 19 novembre 2017

Livorno, dipendenti del Comune in sciopero il 30 novembre


Livorno, 13 novembre. Il 30 novembre sarà sciopero dei dipendenti del comune di Livorno, a deciderlo è stata l’assemblea dei dipendenti dell’Ente iscritti ai sindacati confederali, Cgil, Cisl e Uil, i quali, da tempo, attendono risposte, soprattutto sul piano assunzioni, che, però continuano a non arrivare.
L’ultima possibilità per scongiurare lo sciopero, proclamato e calendarizzato già a settembre e poi rimandato a seguito dell’alluvione, è il tavolo di raffreddamento in Prefettura che dovrebbe tenersi nel giro di pochi giorni. “Da mesi non abbiamo interlocutori certi rispetto alla discussione sulle nostre rivendicazioni – è stato sottolineato in assemblea – questo per effetto dei continui cambiamenti della macrostruttura dell’Ente e della mancata nomina, a tutt’oggi, di un Dirigente responsabile del Personale. Abbiamo proclamato, perciò, lo stato di agitazione con sospensione degli straordinari e siamo in attesa della necessaria fase conciliativa presso la prefettura. Se l’esito dovesse essere negativo sarà sciopero”.
L’assemblea considera la questione delle assunzioni come centrale per la vertenza in atto. “Non è più possibile rimandare scelte cruciali per i servizi e per i livelli occupazionali di una
città che attraversa una crisi profonda – hanno detto i dipendenti – L’Amministrazione non può chiedere responsabilità alle aziende private che ristrutturano e mandano a casa il personale, se lei stessa non da un esempio sul piano occupazionale. Siamo ben consapevoli, infatti, che nelle nostre graduatorie di concorso vi sono anche molti lavoratori rimasti disoccupati per la crisi e che hanno creduto in una ricollocazione nella pubblica amministrazione”.
I lavoratori in assemblea sono a fianco di questi lavoratori e dei giovani che attendono l’apertura dei bandi per nuovi concorsi pubblici, che possono garantire così sia il proprio progetto di vita che il livello di servizi che, altrimenti, entro pochissimi anni rischiano la chiusura o il default. “L’esempio più eclatante è quello delle scuole – è stato dichiarato – dove l’età media degli insegnanti è alta e nei prossimi due anni sono previsti almeno 20 pensionamenti. In questo quadro l’Amministrazione annuncia di avere un bando di assunzioni che, però, non arriva mai e ogni richiesta di confronto in merito viene negata”.
Rispetto al muro contro muro venutosi a creare tra Amministrazione e lavoratori, i quali lamentano anche gravi problemi di carattere gestionale dell’Ente, lo sciopero del 30 non è indirizzato soltanto a coinvolgere i dipendenti. “Con questa manifestazione – conclude una nota sindacale dell’assemblea – cercheremo di coinvolgere, oltre ai lavoratori comunali, anche i dipendenti delle cooperative e ditte appaltatrici dei servizi del Comune di Livorno, dalla cultura ai servizi educativi, all’attacchinaggio, ai servizi relativi alla Polizia Municipale e tributi, le realtà cittadine che rappresentano i disoccupati e chi ha perso il posto di lavoro a causa della crisi”.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,