Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

29 Settembre 2020

Lo scultore Brogi dona 500 euro a una famiglia bisognosa


Livorno, settembre 2016 – Questa mattina a Livorno è stata scritta una commovente pagina di solidarietà umana. Si è presentato in Comune lo scultore David Brogi, uno dei vincitori dell’ultima edizione del Premio Rotonda, che, ha voluto mantenere l’impegno annunciato il giorno della premiazione, cioè devolvere l’assegno da 500 euro a una famiglia livornese bisognosa.
“Quando Brogi mi ha comunicato la sua scelta, proprio durante la festa del Premio Rotonda – racconta l’assessore alla Cultura, Francesco Belais – mi sono subito messo in contatto con l’assessore al Sociale Ina Dhimgjini. Insieme abbiamo deciso di destinare la somma alla prima persona in graduatoria rimasta fuori dall’assegnazione del reddito di cittadinanza”. Questa mattina l’artista e la beneficiaria, che ha chiesto di rimanere anonima, si sono incontrati in sala De Majo e hanno parlato a lungo. La donna ha raccontato di essere rimasta single e di avere due figli piccoli da mantenere.
“In passato ho avuto gravi problemi familiari – ha sottolineato invece Brogi – e quindi capisco perfettamente la difficoltà di non avere un supporto adeguato”.
“Quando penso a un premio – ha aggiunto – lo intendo più come una targa, una medaglia, un riconoscimento simbolico. Questo denaro, invece, non l’ho mai percepito come mio e dunque non ho avuto alcuna difficoltà a scegliere di donarlo a chi ha più bisogno di me”.
“La bella storia di generosità mi ha toccato nel profondo – ha commentato l’assessore Belais –. Non ho remore a dire che io stesso mi sono commosso nel momento del passaggio di consegne del denaro, quando sia alla signora che al donatore si sono velati gli occhi di lacrime”.
“E’ bello scoprire che i cittadini, in questa fase di difficoltà per molti si scoprono sempre più solidali gli uni con gli altri – ha aggiunto Dhimgjini -. Sono felice che, in questo caso specifico, i denari siano andati a una persona realmente bisognosa”.