Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

martedì 20 novembre 2018

L’ultimo abbraccio a Luca Cecchi nel Santuario di Montenero


(M.M.) Livorno, 16 ottobre 2018. “Ha voluto essere qui, vicino alla Madonna delle Grazie perché è sempre stata a lui vicino ed a lei ha sempre chiesto conforto”. Così monsignor Paolo Razzauti si è rivolto ai familiari e amici presenti durante l’officio funebre nel Santuario di Montenero, ricordando Luca Cecchi, 58 anni, scomparso dopo una sofferta malattia, combattuta fino all’estremo con speranza, dignità e coraggio. Lascia la moglie Cinzia Porrà, dirigente dell’Usl, il figlio Gabriele, da poco laureato in economia e commercio all’università di Pisa e adesso a Milano, dove frequenta un master alla Bocconi, la mamma Alda, il fratello Alessandro, geometra in pensione, i suoceri, Gianfranco e Adele. Luca, laurea in veterinaria subito messa da parte per dedicarsi all’attività di rappresentante scientifico fino a giungere alla dirigenza per la Bristol Myers Squibb, una delle maggiori case farmaceutiche internazionali. Storico informatore scientifico operava nel territorio di Livorno fino a Grosseto nel settore cardiovascolare, conosciuto da medici e farmacisti. Era generoso e professionale, si dedicava anche agli altri pensando a loro quando occorreva fornire anche i più comuni medicinali a chi era in difficoltà. E la sua preoccupazione, negli ultimo tempi della grave malattia vissuta tra cure e ospedali, era rivolta ai familiari, dispiaciuto nel vederli soffrire. “Una persona calma, tranquilla e precisa – lo ricorda Gianfranco Porrà, presidente dell’Associazione Anna Aurili degli ex-studenti e docenti del Liceo Ginnasio Niccolini Guerrazzi- che sapeva comprendere, farsi ascoltare ed essere amico di tutti coloro che lo conoscevano”.
Il Santuario di Montenero oggi pomeriggio era colmo di tanti che lo avevano conosciuto, apprezzato e che hanno voluto stringersi intorno ai familiari.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,