Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

26 Novembre 2020

L’ultimo saluto a Ettore Bettinetti, lo storico sindacalista della Cisl


(Massimo Masiero) Livorno – L’ultimo saluto a Ettore Bettinetti, storico sindacalista della Cisl, scomparso a 81 anni, dopo una breve malattia lunedì scorso, lo hanno rivolto nella chiesa Santa Maria del Soccorso in piazza della Vittoriai tanti amici e coloro che lo hanno conosciuto e gli sono stati vicino nella vita. E di lui hanno ricordato il percorso d’impegno nel mondo del lavoro e di testimonianza nel cammino di fede a servizio della realtà parrocchiale e della diocesi a favore dei più bisognosi. Un lavoro intenso e sempre svolto con correttezza senza mai dimenticare che le situazioni anche le più difficili possono essere affrontate nella convinzione di individuare soluzioni, che aprono la speranza nel futuro. Intorno alla moglie e ai tre figli si sono stretti con affetto uomini e donne di varia provenienza, che lo hanno apprezzato per la linearità e limpidezza dei suoi comportamenti sempre coerenti nel porre al centro di tutto l’uomo e i suoi diritti e doveri con schietta limpidezza. La messa è stata officiata dal parroco padre Andrea Conti, francescano, monsignor Paolo Razzauti, don Giuseppe Coperchini e don Raffaele Schiavone. Il vescovo Simone Giusti, in pellegrinaggio in Terra Santa, dove lo ha raggiunto la notizia della morte, ha inviato un messaggio e la benedizione ricordando il suo costante impegno. Paolo Razzauti, fraterno amico di Ettore, “padre, nonno e maestro di vita”, nel suo intervento, mai banale, ma attento alla realtà territoriale, ha reso omaggio alla persona, che ha anticipato nella Chiesa l’impegno per il lavoro con convinzione determinazione, impegnando tutto se stesso. Ed ha esortato il mondo variegato dei presenti, molti dei quali protagonisti nella vita cittadina “a non tirare i remi in barca e ad uscire dai nascondigli perché Ettore non vorrebbe vedere queste realtà appartate, ma partecipi e convinte”.