Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 9 20 Dicembre19

Nuove opportunità per le imprese livornesi, da gennaio i bandi agevolati


(Simone Consigli) Livorno, 26 novembre 2019 – Manca ancora poco al primo traguardo in materia lavoro ed occupazione per la giunta guidata da Luca Salvetti e in particolare per l’assessore Gianfranco Simoncini. Si attende la ratifica ufficiale tramite circolare ministeriale per aprire da gennaio i bandi a sportello agevolati per le imprese, grazie alla modifica della legge 181/89. Il protocollo è stato fortemente voluto dall’assessore Simoncini, che ha ottenuto la modifica della norma a livello nazionale.

Ieri, lunedì 25 novembre, si è tenuto un incontro presso la Camera di Commercio, teso proprio ad illustrare ai soggetti interessati le novità della rinnovata legge 181/89. Presenti, oltre all’assessore, Stefano Spera di Invitalia, il sindaco di Rosignano Daniele Donati e Serena Brogi responsabile sostegno alle imprese della Regione Toscana. Al termine dei lavori i rappresentanti delle imprese, che hanno gremito la sala, sono stati ricevuti dalle autorità per un primo confronto one-to-one.

Il protocollo 181/89 per il rilancio delle aree di crisi industriale nasce nel 1989 per venire in aiuto alle zone d’industria siderurgica in crisi del Mezzogiorno. Attraverso le modifiche la legge è stata applicata, a partire dal 2015, per le aree di crisi complessa, investendo le zone del centro Italia e in particolare le zone terremotate dell’Abruzzo.

Le novità delle modifiche odierne riguardano principalmente l’abbassamento della soglia minima d’investimento da 1,5 milioni di euro a 1 milione di euro. Questo livellamento renderà disponibili, nell’ipotesi dichiarata da Simoncini, i 10 milioni di euro finora inutilizzati, stanziati per il territorio livornese, dal 2015.

Durante l’incontro, Spera di Invitalia ha illustrato le altre novità presenti nella modifica della legge, che riguardano le reti d’impresa, la formazione, la semplificazione dell’iter di richiesta e il finanziamento, che può arrivare a coprire anche il 75 per cento del totale, con un 25 per cento a fondo perduto e il restante a mutuo agevolato. I requisiti, come più volte sottolineato, sono: credibiltà, strategia, sostenibilità e conditio sine qua non, l’impatto occupazionale. L’accesso ai sovvenzionamenti sarà più agile, il bando sarà a sportello e senza graduatorie, questo permetterà ad ogni impresa di pensare solo a se stessa e le procedure più agili permetteranno la risposta in tempi brevi, ovvero tre mesi, mentre si arriva ai cinque mesi per l’attuazione.

“Se il progetto sarà ritenuto sostenibile, l’accoglienza e la risposta saranno immediate”, ha dichiarato Simoncini. Nel corso dell’incontro in Camera di Commercio l’assessore ha reso noto anche l’apertura del bando per la microinnovazione per le imprese del Comune di Livorno (400.000 euro) entro il 10 dicembre, l’approvazione della Giunta regionale che amplia la Zona logistica semplificata a porto ed interporto di Livorno e il lancio di un protocollo d’intesa su sicurezza e salute da discutere a Roma il 4 dicembre al Ministero dell’Ambiente e al Mise per le bonifiche delle aree Sin e Sir di Livorno.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,