Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

4 Giugno 2020

Giorgio Kutufà (foto libera da diritti tratta da Wikipedia)

Politica in lutto, è scomparso Giorgio Kutufà, fu presidente della Provincia di Livorno


(Angela Simini) Livorno, 13 maggio 2020 – Grave lutto nel modo della politica e della cultura livornesi. Stamani, mercoledì 13 maggio, è scomparso Giorgio Kutufà, ex presidente della Provincia di Livorno. Il decesso è avvenuto nella sua casa di piazza Magenta, dopo una lunga malattia affrontata con grande dignità.

Figura di riferimento della vita politica, istituzionale e culturale della città, Kutufà è stato degno esponente del Centrosinistra. Laureato in Economia e commercio all’università di Pisa, vi ha ricoperto il ruolo di docente di Tecnica di borsa. Si è dedicato alla carriera politica, militando nelle fila della Democrazia cristiana, fino a ricoprire l’incarico di consigliere comunale per tre mandati consecutivi, a partire dal 1970, quindi dal 1985 al 1995 è stato consigliere regionale della Toscana. A seguito dello scioglimento della Dc, Kutufà non si è dato per vinto e ha collaborato alla fondazione di Toscana democratica, quindi, con l’appoggio della Margherita e del Centrosinistra , è stato eletto presidente della Provincia di Livorno nel 2004 e, con il Partito democratico, fu confermato anche nel mandato successivo del 2009, consolidandosi come una figura di spicco per il Pd e il Centrosinistra.

La sua energia e il suo carisma si sono fatte sentire anche nelle elezioni amministrative del maggio 2019 quando dette un appoggio determinante a Luca Salvetti nella sua corsa a sindaco.

Nell’iter che ha percorso, Kutufà si è distinto e si è fatto apprezzare per la sincerità e obbiettività con cui si è rivolto ai compagni di partito e agli avversari politici, mantenendo compostezza e dignità nell’espletamento delle sue funzioni. Ed è stato un uomo pronto ad aiutare gli altri, senza fare eccezione di colore politico e nel silenzio, più incline ai fatti e alla sostanza che non alla sua immagine “di facciata”. Era un uomo di cultura, sì, ma non sfoggiava e non spandeva: anche in questo settore si faceva apprezzare per la sua presenza cordiale e partecipe, tanto alle manifestazioni artistiche del Teatro Goldoni, quanto ai saggi e alle premiazioni degli studenti delle scuole e dell’Istituto Mascagni.

Moltissimi, in queste ore, sono i messaggi di cordoglio che stanno arrivando alla famiglia. Con quelle del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ci sono anche le condoglianze di don Paolo Razzauti della diocesi cattolica di Livorno, dell’attuale presidente della Provincia livornese Marida Bessi, del sindaco di Rosignano Daniele Donati, del deputato Andrea Romano del Pd e della federazione livornese del Psi.