Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 21 maggio 2018

Portualità e logistica, incontro tra Confindustria e imprese di Piombino e Val di Cornia


Piombino, 15 maggio – Infrastrutture e formazione al centro della riunione con le Aziende del Comprensorio di Piombino e della Val di Cornia. Nell’ambito delle attività programmate da Confindustria, si è svolto oggi un incontro di aggiornamento del Gruppo di Lavoro, dedicato alla portualità e alla logistica, delle aziende del comprensorio di Piombino e della Val di Cornia.
Alla riunione sono intervenuti Claudio Capuano, dirigente delegato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale e Sandra Muccetti, dirigente dell’ area Logistica, per fornire un aggiornamento sullo stato di attuazione del layout del Porto di Piombino.
“Il porto di Piombino è diventato un grande porto, con fondali fino a 20 metri, che nessuno dei porti tirrenici da Civitavecchia in su dispone, e con piazzali, attracchi e prospettive di insediamenti da far invidia”. Ha sottolineato il direttore generale di Confindustria Livorno Massa Carrara, Umberto Paoletti “Risulta pertanto prioritaria – ha aggiunto – la rapida connessione del porto con il Corridoio Tirrenico e con le ferrovie, oltre alla realizzazione della strada statale 398, tenuto conto dell’indispensabilità di queste infrastrutture per la reindustrializzazione di tutta l’area. Per il rilancio dell’economia di questo territorio, rimasta troppo a lungo in stallo, restano strategici gli obiettivi dell’insediamento del polo di demolizioni navi e della base logistica della BHGE Nuovo Pignone, insieme alla reindustrializzazione della ex Lucchini e di Arcelor Mittal e al consolidamento di Tenaris Dalmine”.
Claudio Capuano, ha sottolineato l’importanza della formazione, in tutte le diverse articolazioni, (l’area rientra nelle sue attribuzioni, ed ha dichiarato: “Lo staff di Piombino, sia pure nella nuova veste di Ufficio Territoriale Portuale, continuerà a prodigarsi, nell’ambito dei nuovi ruoli ricoperti e delle nuove funzioni assegnate, affinché il porto di Piombino, in continuità con il passato, mantenga e consolidi gli straordinari risultati conseguiti, sia in termini infrastrutturali che di servizi, dalla (soppressa) Autorità Portuale di Piombino. Come delegato del Segretario Generale e come dirigente dell’AdSP del Mar Tirreno Settentrionale, mi impegnerò al massimo in tal senso, facendomi parte attiva nei confronti di tutti gli organi dell’Adsp e in ogni sede competente delle istanze degli operatori, degli utenti portuali e delle istituzioni locali con cui, d’altra parte, auspico un confronto sempre più proficuo”.
Anche Sandra Muccetti ha confermato l’impegno da parte dell’AdSP a completare gli interventi infrastrutturali in linea con le previsioni del Piano Regolatore Portuale, necessarie a creare le condizioni indispensabili per nuovi futuri insediamenti. (Nella foto, panoramica del porto di Piombino).

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,