Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 14 Ottobre 2019

Presentato il 67esimo Premio Rotonda, Lenzi: “Dobbiamo ridargli gambe”


(Simone Consigli) Livorno, 8 agosto 2019 – Sessantasettesimo Premio Rotonda al via, la rassegna di pittori livornesi in concorso, massima espressione dell’arte pittorica da mezzo secolo a Livorno, dal 1953 in cui è stata ideata, si riappropria della nuova veste nella Rotonda di Ardenza, col nuovo nome di Rotonda Carlo Azeglio Ciampi e il nuovo Chalet che andrà a condividere il giardino sul mare tanto amato dai livornesi per questi quindici giorni del glorioso concorso pittorico cittadino. Alla presentazione dell’evento nella Sala del Preconsiglio del Comune di Livorno erano presenti tutti gli organizzatori, un nutrito numeri di artisti e l’assessore alla cultura Simone Lenzi: “Dobbiamo reinquadrare il Premio Rotonda e ridargli le gambe – dichiara Lenzi- e per far sì che non chiuda i battenti, occorre fare un appello alla cittadanza e interverremo con un tavolo a settembre in cui inquadreremo il Rotonda con delle nuove linee guida e delle nuove regolamentazioni”.

L’assessore Lenzi non è più preciso su quello che accadrà il prossimo anno, ma che la crisi è grave non lo nasconde nessuno, così Maurizio Pupilli, tesoriere del Premio:” l’aumento delle quote d’iscrizione è ascrivibile, solo ed esclusivamente, lo dico per stemperare ogni polemica – sottolinea – alla mancanza di fondi. Una volta venuti a mancare i finanziamenti del Comune e della Fondazione Livorno siamo rimasti davanti a un bivio – conclude Pupilli – o trovare finanziamenti o chiudere”.

Il Premio Rotonda 2019 si regge sulla collaborazione no-profit e volontaristica delle tre associazioni Ro-Art, Reset e Toscana Arte, questo ha permesso che anche quest’anno il Premio Rotonda sia in livello con le passate edizioni, ci mette la mano sul fuoco Roberto Russo, presidente Ro-Art:”lo spirito volontaristico di tante persone entusiaste, professionisti e artisti, sono una cornice di garanzia e un appello a chi gestirà dopo il Premio a mantenere l’equilibrio della manifestazione”. Il programma della manifestazione è infatti ricco e curato in ogni dettaglio. Saranno 53 i partecipanti tra scultori, pittori e fotografi, non mancheranno i concorsi storici come il Luschi e il Borgiotti, mentre le novità sono uno spazio mediatico e un laboratorio per la stampa a fianco dello Chalet e la giuria libera e senza categorie divise tra astratto e realismo. Numerose le attività in sinergia con lo Chalet, ospite d’onore il noto cantante Aleandro Baldi che parlerà di se stesso e si esibirà nei suoi cavalli di battaglia. Saranno offerte altre serate dedicate al divertimento con cabaret, spettacoli di ballo, musica dal vivo e il concorso di bellezza Miss Livorno Calcio. Degna di merito la tradizionale gara di pittura estemporanea che quest’anno prevede che le opere vincitrici vadano all’asta per sovvenzionare in beneficenza il recupero del complesso architettonico ed ambientale delle Antiche Terme del Corallo.

In coda, ma non per ultima, la presentazione del libro “Il sopravvissuto” di Gloria Benini, ispirato alla vita di Antonio Cristiano, monumento della manifestazione.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,