Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Settembre 2020

Qualità della vita in Italia: peggiora a Livorno e provincia


Livorno. novembre. Un peggioramento, ma non un crollo, quello di Livorno nella classifica nazionale sulla qualità della vita delle province italiane, stilata da Italia Oggi, con l’Università della Sapienza, resa nota oggi. Tra le 110 esaminate, Livorno scivola al 52° posto, mentre l’anno scorso era al 40°. Prima in assoluto è Mantova, l’anno scorso era al quarto posto, tallonata da Trento, prima anche nel 2015 e dai quattro anni precedenti. Ultima Crotone al 110° posto. Il dato che fa discutere è Roma, che in un anno è caduta all’88° posto e ne perde 19, segnale inquietante di una realtà in netto degrado. Anche Milano non sta meglio, malgrado quanto ha realizzato negli ultimi dodici mesi: è al 56° posto, dal 49° del 2015. La situazione migliore in Toscana è quella di Siena, che si pone quinta in assoluto in Italia, balzando avanti di sei posti rispetto al 2015. E’ superata infatti soltanto da Mantova, Trento, Belluno e Pordenone.
La posizione della altre città toscane: Grosseto è al numero 30 (sale di tre posti dal 2015), Arezzo è al 41° (dal 38°), Pistoia al 42° (46° nel 2015), Pisa invece scende al 45°, rispetto al 41° del 2015. Anche Firenze scivola al 48° posto dal 26° del 2015: una caduta che sorprende. Sale invece con aggressività Lucca. E’ oltre metà classifica, al 50° posto, mentre l’anno scorso navigava quasi in coda: al numero 102. Poi Livorno al 52° posto, nel 2015 era al 40°: prosegue la discesa. La speranza è che, malgrado il mare, il clima mite, gli antichi borghi, la provincia intera sappia recuperare una qualità della vita più a misura d’uomo. Prato è un’altra località in continua discesa: al 68° posto. L’anno scorso si trovava al 57°.
Fanalino di coda in Toscana è Massa Carrara, che si pone all’83° posto in Italia, ma in netta ascesa rispetto al 97° del 2015.