Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

mercoledì 19 settembre 2018

Rinnovata e riaperta Casa Incontro per accogliere i familiari dei detenuti


Livorno, 20 marzo. La Casa Incontro Caritas, dedicata a Don Giovanni Battista Quilici, è stata riaperta questo pomeriggio in via della Maddalena,8 rinnovata nei locali, per offrire alle persone detenute in occasione di permessi la possibilità di incontrare, in un luogo accogliente e dignitoso, i loro familiari, con minori risorse economiche, provenienti dalla Toscana e da località lontane. Insieme hanno tagliato il nastro inaugurale Suor Raffaella Spiezio, presidente della Fondazione Caritas, che gestirà i locali posti al primo piano, e suor Agnese Didu, madre generale della Congregazione delle Figlie del Crocifisso, che ha rinnovato la disponibilità dell’appartamento. La vocazione della Casa, che prosegue il sogno di Don Quilici a favore dei carcerati a 175 anni dalla sua scomparsa, è stata sottolineata da entrambe nel loro intervento poco prima nella chiesa dei Santissimi Pietro e Paolo, dove il vescovo Simone Giusti ha celebrato la messa. Non è mancato il ringraziamento a Paolo Brosio, presente, e alla sua associazione per la collaborazione offerta. Presenti anche i cappellani di Gorgona, Livorno e Pisa. La “prima pietra” della struttura fu posta trent’anni or sono, è stato ricordato, allora vescovo Alberto Ablondi, auspicata dal primo sinodo diocesano.
Il vescovo Giusti ha ricordato che il significato della celebrazione eucaristica è quello di incontrare i cittadini nel periodo della Quaresima, d’avvicinamento alla Pasqua, manifestando l’amore di Dio verso gli uomini con un gesto di accoglienza, perché tutti possano essere pronti al perdono, possano fare il primo passo per rinnovare amicizia e affetto verso l’altro, per costruire una “rete” di amicizia e di comprensione in città. In segno di augurio sono stati distribuiti dalla Caritas astucci di catrone contenenti ovetti di cioccolato a cittadini, esponenti del volontariato, autorità, sacerdoti intervenuti.
La struttura, posta al primo piano è composta da sei camere con servizi, sala, cucina, servizi vari.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,