Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

1 Dicembre 2020

Rosignano, dalla società chimica Siad nuovi investimenti sul territorio


Rosignano, 1 marzo. La Giunta regionale toscana ha approvato la delibera sulla costruzione da parte della società Siad di un impianto di estrazione e liquefazione di anidride carbonica, che sarà realizzato nello stabilimento della Solvay Chimica Italia.
“E’ il primo importante passo – ha commentato il presidente Enrico Rossi – per garantire un futuro al polo industriale di Rosignano, come promesso a novembre 2016, alla firma dell’accordo di programma che delinea lo scenario di quest’area perchè la Solvay rimanesse in Toscana”.
La delibera della Giunta ha approvato il procedimento di valutazione di impatto ambientale regionale con la pronuncia positiva di compatibilità ambientale sul progetto di costruzione dell’impianto di estrazione e liquefazione della CO2.
E’ il primo dei tre progetti di Siad che prevedono investimenti per 46,5 milioni di euro e la creazione di 25 nuovi posti di lavoro. Si è dato così il via al primo intervento da 8,5 milioni di euro, che permetterà di produrre a Rosignano 40.000 tonnellate di anidride carbonica l’anno, evitando di immetterne in atmosfera 43.200. E la produzione di anidride carbonica sul posto, attraverso il suo recupero dai processi produttivi, porterà una riduzione del traffico di automezzi pari a 1,4 milioni di chilometri l’anno ed eviterà di perforare il territorio toscano o di importarla da altre regioni o dall’estero.
La Siad, già fornitore esterno di Solvay, si insedia sul territorio. La società è uno dei principali gruppi chimici italiani, opera nel settore dei gas per uso industriale, ha un fatturato di 467 milioni di euro, oltre 1.600 dipendenti e più di 70.000 clienti.
Il 30 novembre 2016 la Regione e il Gruppo Solvay avevano firmato al Ministero per lo sviluppo economico il protocollo di intesa che sanciva la permanenza della multinazionale a Rosignano e preannunciava investimenti per 115 milioni di euro, aprendo le porte del parco industriale ad altre imprese tra la quali, appunto, Siad.
L’investimento previsto dalla Solvay è di 75 milioni di euro per tre nuovi progetti energetico ambientali.