Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

7 Luglio 2022

Il Comune di Rosignano Marittimo (foto libera da diritti tratta da Wikipedia)

Rosignano, Donati annuncia una manovra da 2 milioni ma per la Di Dio sono solo discorsi


(Alex Turrini) Rosignano, 30 aprile 2020 – “In apertura del Consiglio comunale del 28 aprile, il sindaco Daniele Donati ha comunicato l’adozione, appena appena il giorno prima, di una delibera con cui la Giunta da lui presieduta si appresta a varare una manovra da oltre due milioni di euro prevedendo tra le altre l’eliminazione dell’imposta di soggiorno, dell’imposta di pubblicità, della Cosap per le attività produttive e la riduzione della Tari per le utenze non domestiche”, afferma la consigliera del gruppo misto Donatella Di Dio. “Una manovra che, sempre secondo la pronta comunicazione del sindaco, è in fase di definizione anche in attesa dell’approvazione definitiva di competenza statale circa la possibilità di utilizzare la quota libera dell’avanzo di amministrazione”.

Lo si legge sul quotidiano online Quinews Cecina, dove l’articolo prosegue così: “Ebbene che cosa significa tutto ciò? Tradotto significa che, in contemporanea rispetto all’annuncio dato dal sindaco, a Roma nell’ambito delle audizioni preliminari al Def, in commissione Bilancio di Camera e Senato” è stato chiesto di “accedere ad una iniezione di liquidità a favore dei Comuni, fondamentale per poter fronteggiare l’emergenza sociale”.

“Ma se così è la manovra della Giunta Donati allo stato è solo annunciata ed altri eventi e altro tempo dovrà attendersi prima che possa essere definita e concretizzata”, afferma la Di Dio.

Nel frattempo due mozioni presentate nella stessa seduta consiliare dalle opposizioni e che, casualmente, ricalcavano gli intenti della Giunta, ovvero chiedevano la sospensione per il 2020 della tassa di soggiorno e la rimodulazione sempre per il 2020 di tutte le tasse di competenza comunale (suolo pubblico, pubblicità, ndr) sono state bocciate dalla maggioranza a guida Pd che, secondo la Dio, “ha ritenuto che è la manovra di bilancio della Giunta che deve essere sostenuta e non le mozioni singole delle opposizioni”.