Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Settembre 2022

Palazzo Civico, sede del Comune di Livorno (foto libera da diritti tratta da Wikimedia Commons)

Salvetti presenta lo staff per partecipare ai nuovi bandi del Pnrr, l’obiettivo è realizzare opere entro il 2026


(Redazione) Livorno, 7 febbraio 2022 – Il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, ha presentato lo staff che si occuperà di individuare gli atti propedeutici per la partecipazione ai nuovi bandi ed a tutto il lavoro successivo all’assegnazione dei fondi per rendere concreti i progetti.

“Siamo partiti lo scorso anno con Next Generation ed abbiamo atteso che il Governo comunicasse come i fondi sarebbero stati distribuiti e dopo aver appreso che la procedura per ottenere i contributi era la partecipazione ai bandi, ci siamo organizzati”, ha spiegato il sindaco Salvetti. “La vera sfida è fare in modo che il denaro che arriverà alla nostra città venga realmente sfruttato appieno: con la progettualità entro il 2023 e con la realizzazione delle opere entro il 2026”.

Salvetti ha proseguito illustrando la modalità con cui il Comune si è dotato di una “struttura dedicata, che gestirà il Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, che farà capo al direttore generale del Comune e seguirà l’indirizzo politico-tecnico della cabina di regia (la giunta, ndr). Uno staff il cui lavoro sarà quello di seguire il percorso realtivo alle pratiche legate alle assegnazioni già effettuate e candidare i progetti del Next Generation a seconda dei bandi in scadenza”.

A coordinare lo staff sarà il dirigente Leonardo Gonnelli, coadiuvato da un supporto giuridico, da un’organizzazione tecnica per i progetti, da un esperto di gare e appalti, da una figura a supporto dei programmi complessi, dai servizi finanziari e da una una persona che si occuperà del raccordo con le partecipate. Inoltre quattro tecnici e due amministrativi del settore Urbanistica e programmi complessi si occuperanno dei progetti del programma innovativo nazionale per la Qualità dell’abitare, il Pinqua, i cui fondi sono stati dirottati sul Pnrr. Proprio per gestire nel miglior modo possibile la realizzazione dei progetti all’interno del Pnrr, venti tecnici entreranno a breve nella struttura comunale, tredici dei quali entro il 7 marzo.

Il direttore generale, Nicola Falleni, ha specificato che lo staff è a costo zero e la spesa rientra tra i finanziamenti del Pnrr: “Questo per non gravare sul bilancio del Comune”.

La nostra città in questi quattro mesi, ha ricordato Salvetti, ha ottenuto complessivamente 110 milioni: 54 milioni ottenuti dal Comune a cui si aggiungono 7 milioni dall’Asa per l’impiantistica provinciale e 46 milioni dell’elettrificazione delle banchine del porto gestiti dall’Autorità di sistema. Si tratta di fondi importanti, secondo il sindaco, che hanno come ente di riferimento soggetti diversi dall’amministrazione ma che ricadono fondamentalmente sulla città di Livorno.

I 54 milioni sono così suddivisi: 28 milioni attraverso il Pinqua negli ambiti di intervento dell’area della Dogana d’Acqua e dell’area Cisternone e nuovo presidio ospedaliero e rione Stazione; 12 milioni per l’acquisto dei nuovi mezzi elettrici per il trasporto pubblico; 10 milioni per interventi di riqualificazione del patrimonio Erp; 2 milioni 500 mila euro per messa in sicurezza di edifici e territorio, antincendio scuole e facciata delle scuole Micheli; 2 milioni per la trasformazione del parco Baden Powel nel bando di rigenerazione; 1 milione per il miglioramento e meccanizzazione della rete di raccolta differenziata.

E’ importante ricordare, specificano in Comune, che il percorso del Pnrr è in continua evoluzione. Sono già nove i nuovi bandi usciti con scadenze che vanno dall’8 febbraio al 18 marzo e fino a giugno ne sono previsti molti altri suddivisi nelle sei linee individuate a livello europeo.

Tags: ,