Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 17 dicembre 2018

Tragedia Moby Prince: quella sera non c’era nebbia


Roma, 4 gennaio 2018. Quella sera, era il 10 aprile 1991, non c’era nebbia nel tratto di mare fuori dal porto di Livorno. Lo ha ripetuto ancora una volta Guido Frilli, alla commissione d’inchiesta parlamentare sulla tragedia del Moby Prince, il traghetto a bordo del quale morirono 140 persone, a causa della collisione con la petroliera Agip Abruzzo che si trovava ferma in rada. I lavori della commissione sono terminati a fine dicembre ed i risultati saranno resi noti prossimamente. Frilli è il livornese che dalla sua abitazione sul viale a mare della città seguì la vicenda in quei minuti tragici. Lo aveva detto a suo tempo agli inquirenti, ma il verbale delle sue dichiarazioni non entrò nel fascicolo dell’inchiesta. La conferma di quanto aveva visto potrebbe dare una nuova interpretazione a quanto accaduto poiché si era creduto che una delle cause potesse essere la foschia, che aveva ritardato interventi e soccorsi ai passeggeri bloccati all’interno del traghetto.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,