Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

26 Settembre 2020

Premio Combat: palcoscenico dell’arte contemporanea


(Simone Consigli) Livorno, 3 luglio. E’ partito il Premio Combat Prize 2017 ottava edizione. Gli ottanta artisti finalisti, provenienti da tutto il mondo, sono pronti a misurarsi fino a sabato 15 luglio al museo Fattori, nei locali dei Granai di Villa Mimbelli e in Fortezza Vecchia. La selezione è avvenuta tra 1200 iscritti, sotto la giuria di Andrea Bruciati, direttore delle gallerie Villa d’Este e Villa Adriana. Il Combat è un palcoscenico importante per l’arte contemporanea italiana, ospita artisti provenienti da ogni continente e di tutte le età, che spesso sono stati proiettati alla Biennale di Venezia e in altre importanti mostre e gallerie italiane. “Mi piace ricordare tra questi – sottolinea Paolo Batoni presidente di Blob Art – Radenko-Milak, artista che nel 2012 espose l’opera vincente del Combat, un acquerello di paesaggio di guerra a Sarajevo al padiglione Bosnia-Erzegovina e Christian Larsoon che con la sua opera, sempre nel 2012, arrivò alla biennale di Sidney. Per non parlare – continua – di artisti che sono approdati all’Arte Fiera di Bologna, all’Artissima di Torino, al MI-Art di Milano etc”. Blob Art è l’associazione artistica e culturale che dalla fondazione si occupa del Combat. Ha un sito internet dedicato in cui sono contenuti info e archivi di tutti i 6000 artisti partecipanti di tutte le otto edizioni. Giappone, Svizzera, Germania, solo per citare alcuni dei paesi i cui artisti sono stati ospitati. Il montepremi del Combat 2017 è di 24mila euro. Per la pittura, la fotografia e la grafica, “premi acquisto” da 6mila euro, le opere saranno valutate dai giudici e acquistate da Blob Art, che poi deciderà dove esporle. 4mila euro di “premio riconoscimento” per la scultura e l’installazione video. Si attende, come al solito un pubblico livornese e non solo, eterogeneo, che costituisce da anni lo zoccolo duro del Premio Combat. “Per chi volesse conoscere poi meglio il Museo Fattori – chiosa Batoni – consiglio vivamente di ammirare il Pascali che è qui ospitato, valore 4 milioni di euro, praticamente il doppio del valore di tutta la Villa Mimbelli e che pochi sanno che è qui”. Il Combat non sarebbe stato possibile senza il contributo di Fondazione Livorno, Comune di Livorno, Casa Editrice Sillabe e Autorità Portuale.Combat Prize potrà essere visitato fino al 15 luglio. Orari: Museo Fattori da martedì a domenica, 10-13 e 16-19. Ex-Granai, da martedì a venerdì 16-19, sabato e domenica 10-13 e 16-19. Fortezza Vecchia, da martedì a domenica 10-19. Il 15 Luglio, dalle 17.30,la premiazione aperta alla partecipazione di tutti.