Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Settembre 2020

A Milano “Eureka! Funziona!”. Alunni Rodari supertecnologici: Federmeccanica adotta le costruzioni


Livorno, 12 giugno. Si è svolta a Milano, la grande festa finale per i vincitori della quinta edizione di “Eureka!Funziona!”, la gara di costruzioni tecnologiche per giovani inventori. Il progetto Eureka Garage”, che è stato ideato e realizzato, dagli alunni inventori della 5^ A della scuola Primaria Gianni Rodari di Livorno, è stato selezionato tra i migliori ed ha avuto un immediato riconoscimento sul campo. E’ stato infatti adottato dal vicepresiente di Federmeccanica, Federico Visentin, suscitando soddisfazione e entusiasmo dei progettisti e dele insegnanti Claudia Pocini e Irene Cosci. Gli stessi alunni avevano vinto con lo stesso progetto l’edizione di Livorno, patrocinata dalla sezione meccanica di Confindustria Livorno e sponsorizzata dalla Kayser Italia.
Oltre 500 gli alunni di quinta elementare provenienti da più di 20 città italiane (su 41 partecipanti). L’Auditorium dell’Università IULM di Via Carlo Bo è stato la scenografia perfetta di giochi, intrattenimenti, interviste ai piccoli protagonisti e spazi espositivi per le loro invenzioni. Ospite d’onore, oltre agli attori del Teatro Educativo, Carlos Mastalli, ricercatore dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) che lavora al progetto del robot quadrupede idraulico HyQ, che ha raccontato il mondo della pneumatica, tema di questa edizione del 2017.
Il progetto Eureka!Funziona! attivo in Europa dal 2003, in Italia è stato promosso a livello nazionale da Federmeccanica in accordo con il MIUR e con la collaborazione di numerose altre Associazioni Territoriali di Confindustria. L’obiettivo è educare all’imprenditorialità: stimolare l’ingegno e sviluppare le competenze interdisciplinari e l’attitudine al lavoro di gruppo di migliaia di bambini al terzo, quarto e quinto anno della scuola elementare. Ai partecipanti è stato richiesto di elaborare, partendo da un kit di materiali, un’invenzione giocattolo traendo ispirazione dalla vita quotidiana.
In chiusura, il Presidente di Federmeccanica Storti sottolineando la valenza educativa del progetto ha evidenziato come «abbia inoltre dato modo a noi adulti di vedere quanto i bambini siano capaci, “giocando”, di apprendere e utilizzare anche le più complesse tecnologie, applicandole a creazioni molto originali. Il futuro è nelle loro mani e potranno essere protagonisti in quella Fabbrica Intelligente che nascerà dalla quarta rivoluzione industriale. Sono convinto che i bambini sapranno stupirci nella misura in cui noi sapremo trasferire loro, fin da piccoli, le chiavi dell’innovazione e della conoscenza, con responsabilità e la giusta dose di curiosità».