Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

28 Settembre 2020

Alle Benci i disegni delle casite del Nicaragua


(Stefano Bramanti) Livorno – Aperta alla scuola elementare Benci di Livorno, in via Bernardina, la mostra di opere grafiche “Vietato calpestare i bambini” di Simonetta Filippi e Clara Rota. Il progetto, nato nel 2013, tratta il tema della violenza subita dai minori e prende spunto dai disegni delle casite, realizzati dagli alunni di una scuola del Nicaragua, paese visitato dalla Filippi. La mostra durerà fino a venerdì 30 settembre, con apertura pomeridiana dalle ore 17 alle ore 19, con ingresso libero. I bambini in visita alla mostra sono invitati a portare un loro disegno della propria casa. E la Filippi in proposito dice: “La casa è uno spazio talmente vivo per un bambino, che la dipinge ’umana’. Le casite dei bambini del Nicaragua hanno occhi, orecchie, pance. E’ anche dentro la casa che il piccolo vive la sua infanzia, è tutto il suo mondo quello che sta lì dentro, un mondo ricchissimo pieno di emozioni, sensazioni, odori, ricordi, che il bimbo raccoglie, fa propri e poi rielabora secondo il suo sentire”. Ma quando avvengono situazioni estreme, come quella di un adulto che fa violenza a un bambino, che accadde? “Si provocano profonde ferite”, conclude la maestra-scrittirce. “Il nostro progetto prova a dare punti di sutura ai disegni strappati, rotti, dalla violenza per aiutarli a continuare a vivere. Ricucirli su fondo nero, per sottolineare il linguaggio infantile puro, fiducioso, colorato; proteggere le casite con una pellicola trasparente che le fa pulsare; ingrandire per entrare nello spazio percepito da un bambino. Proteggere l’infanzia dentro un tappeto, un non luogo negato agli adulti, uno spazio sacro dove fermarsi ad ascoltare”.