Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

martedì 20 novembre 2018

Alluvione Livorno: Pd alla Camera chiede altri fondi, Lega e 5Stelle rifiutano


Livorno, 1 novembre 2018. La polemica politica è rimbalzata dal Parlamento alle sedi di partito. Ieri sera alla Camera dei Deputati Lega e M5S hanno respinto la richiesta di stanziare altri fondi per le vittime dell’alluvione di Livorno del settembre 2017. “Una decisione gravissima, che tradisce le aspettative di centinaia di cittadini e imprese che attendono da mesi che i fondi già stanziati dal governo Gentiloni per decisione del Pd (12 milioni di euro) vengano integrati per coprire del tutto i danni inflitti da quella sciagura”, ha sottolineato Andrea Romano, il deputato livornese del Pd che ha presentato l’ordine del giorno, in cui si chiedeva al governo Conte di stanziare altri fondi entro la fine del 2018. “Il rifiuto – commenta Romano – è avvenuto nonostante l’appello rivolto ai parlamentari eletti nel territorio livornese. Colpisce in particolare il voto contrario di Francesco Berti, deputato livornese del M5S, che evidentemente molto distratto dall’impegno nel sostenere lo scandaloso “Condono Di Maio” , il condono edilizio per le case abusive di Ischia, ha proposto una norma, la cancellazione del appagamento Imu per gli alluvionati, che era già stata introdotta dal Pd nell’ultima legge di bilancio grazie da un mio emendamento. Uno schiaffo in faccia a famiglie e imprese che da troppo tempo attendono giustizia e sostegno concreto”.
Sull’argomento interviene anche il segretario dell’Unione Comunale del Pd Rocco Garufo: che ribadisce come ieri sera alla Camera gli alluvionati di Livorno, Rosignano e Collesalvetti hanno ricevuto uno schiaffone in faccia da Lega e Cinque Stelle. E ricorda ancora come nell’ordine del giorno si chiedeva al Governo Conte di impegnarsi a trovare le risorse per coprire integralmente le somme necessarie ad indennizzare le centinaia di famiglie e imprese che hanno avuto danni dall’alluvione del settembre 2017. Infatti finora gli unici soldi per i risarcimenti (12 milioni di euro) sono stati stanziati dal Governo Gentiloni per volontà del Pd. Un primo finanziamento, ormai di molti mesi fa, che richiederebbe di essere integrato per coprire tutti i danni che nel frattempo sono stati individuati. L’appello di Andrea Romano a tutti i deputati eletti nel territorio livornese, di qualunque partito, perché sostenessero una misura attesa da tempo da tanti nostri concittadini e richiesta con forza dalla Regione Toscana, è caduto nel vuoto. “Niente da fare – prosegue Garufo – Lega e Cinque Stelle hanno votato contro, negando la possibilità di arrivare presto a disporre di risorse sufficienti. Nel voto contrario si è distinto Francesco Berti, deputato livornese dei Cinque Stelle, che dopo tante chiacchiere (sue e di Nogarin, che evidentemente preferisce continuare a scherzare sugli allarmi meteo…) alla prova dei fatti ha ubbidito agli ordini di Casaleggio e Salvini. Mentre grillini e leghisti prendono a calci gli alluvionati livornesi. Il dopo alluvione doveva essere una delle massime priorità per l’Amministrazione Comunale di Livorno. La messa in sicurezza del territorio, attraverso gli strumenti della pianificazione urbanistica; un nuovo Piano della Protezione Civile; e cosa molto importante i finanziamenti per il risarcimento dei danni causati dalle piogge. Purtroppo non abbiamo visto niente di tutto ciò. Le sole risorse stanziate sono quelle del Governo Gentiloni e della Regione Toscana. Quanto avvenuto – conclude Rocco Garufo – in Parlamento è un fatto molto grave per la città, un ulteriore conferma di quanto sia necessario iniziare a costruire un futuro diverso e migliore”.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,