Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Novembre 2020

Canaviglia 2017 a Giancarlo Reverberi, il genovese amico di Piero Ciampi


Livorno, 18 marzo – La Canaviglia è stata riconosciuta quest’anno a Gianfranco Reverberi, musicista e autore genovese. Lo ha deciso la Giunta comunale nella seduta di venerdì scorso. La consegna della targa avverrà durante il Premio Ciampi e l’annuncio dell’assessore alla cultura Francesco Belais vi sarà nel corso delle celebrazioni di domani per i 411 anni dell’elevazione di Livorno a città.
La candidatura di Reverberi, classe 1934,autore e musicita genovese amico di Piero Ciampi,era stata avanzata nelle scorse settimane al Comune dall’Associazione Banda Città di Livorno e dal Comitato Unesco Jazz Day Livorno. La Giunta, visti i suoi indiscussi meriti artistici, ha espresso quindi parere favorevole ad attribuirgli il prestigioso premio cittadino. “Poiché Reverberi – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Francesco Belais – oltre che amico è stato anche coautore di molti brani di Piero Ciampi, con questo premio l’Amministrazione ha voluto suggellare da un lato il legame di questo importante artista contemporaneo alla città di Livorno e dall’altro conferire un ulteriore riconoscimento al nostro Ciampi per il suo ruolo di primo piano nel panorama della musica italiana. L’annuncio ufficiale – conclude Belais – come da cerimoniale verrà fatto domani 19 marzo, durante le celebrazioni dell’anniversario dell’elevazione di Livorno a città, ma visto il suo legame artistico con il nostro Piero Ciampi, abbiamo ritenuto fosse più significativo e facendo un’eccezione al disciplinare del premio, consegnargli la targa proprio in occasione della serata finale del Premio Ciampi”.
Gianfranco Reverberi nasce a Genova il 12 dicembre 1934. Studia pianoforte, ma da appassionato di musica suona anche la fisarmonica e il vibrafono, che diventerà il suo strumento principale.
Durante il servizio militare forma prima un quartetto con altri commilitoni tra cui Piero Ciampi e dopo un trio jazz con Giorgio Gaber (chitarra) e Giorgio Buratti (contrabbasso).
Negli stessi anni insieme a Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Luigi Tenco e altri artisti, costituisce uno dei primi gruppi italiani di Rock and Roll, che ha come cantante Adriano Celentano.
Più tardi viene assunto in Ricordi, e a 23 anni diventa vicedirettore artistico della casa e talent scout.
Partecipa come direttore d’orchestra ad alcuni festival di San Remo, in brani come eseguiti da Nicola di Bari “Il cuore è uno zingaro”, “I giorni dell’arcobaleno” e “La prima cosa bella”.
Come manager, arrangiatore, compositore, musicista e direttore d’orchestra, svolge tournée in vari paesi europei, in Giappone, in Australia e in Sud America (Argentina, soprattutto), accompagnando anche Luigi Tenco, Lucio Dalla e Nicola Di Bari. Compone inoltre canzoni e colonne sonore per film.