Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

21 Gennaio 2021

Cena in bianco con concerto operistico alla Terrazza Mascagni


Livorno, 29 giugno 2018. Fervono i preparativi per la terza edizione della “Cena in Bianco”, in programma dalle ore 20.30 di domenica 1 luglio nella splendida cornice della Terrazza Mascagni.
Sono oltre 500 le prenotazioni pervenute al comitato promotore, anche da altre province, e perfino da Milano e da Roma. Molto soddisfatti gli organizzatori (Pro Loco Livorno e Associazione Reset con il contributo del Comune di Livorno e la collaborazione del Comitato del Palio Marinaro).
Le novità
Due le novità dell’ultima ora, rispetto a quanto già annunciato in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’evento. I tavoli non saranno disposti a raggiera attorno al Gazebo come in un primo momento era stato pensato, ma sulla pavimentazione della Terrazza (la “scacchiera”), come l’anno scorso, per una vera e propria cena sul mare. Seconda novità, e anche bella sorpresa, un magnifico evento musicale che arricchirà la serata, intorno alle ore 22.45, e che va ad aggiungersi all’altro evento in programma (la premiazione degli equipaggi del Palio Marinaro alle ore 22 sul palco del Surfer Joe).
Il concerto
In programma un concerto operistico con protagonisti d’eccezione: i soprano Valentina Boi e Alessandra Rossi, il tenore Daniele Centra e la pianista Laura Pasqualetti, grandi artisti che hanno accettato con entusiasmo di partecipare ad un avvenimento così importante per la Città.
La concittadina Valentina Boi, ormai famosa a livello internazionale, si è recentemente distinta nel ruolo di protagonista nell’Iris di Mascagni al Teatro Goldoni di Livorno. Reduce da un altro grande successo nella Francesca da Rimini di Zandonai al Teatro alla Scala di Milano, sta attualmente partecipando, sempre nel ruolo della protagonista, all’allestimento della Turandot di Puccini all’Arena di Verona.
Il soprano livornese Alessandra Rossi, protagonista di tante produzioni liriche a livello nazionale ed internazionale, ha lavorato in molti teatri tra cui la Scala di Milano e il Petruzzelli di Bari, con importanti direttori come Oren, Bartoletti, De Bernardt e il concittadino Federico Maria Sardelli. Insegna canto all’Istituto Mascagni di Livorno.
Anche il tenore Daniele Centra ha ottenuto importanti successi sia in teatri italiani che internazionali. Recentemente ha affiancato il celebre soprano Dimitra Theodossiou in una serie di concerti nella Corea del Sud.
La livornese Laura Pasqualetti, maestro Collaboratore dalla carriera eccezionale, ha lavorato in importanti teatri in Italia e all’estero, collaborando con i più grandi direttori d’orchestra del panorama sinfonico e operistico, tra i quali il maestro Riccardo Muti, che, durante una intervista trasmessa dalla RAI, l’ha citata come miglior maestro collaboratore tra i tanti che lo hanno affiancato nel corso della sua carriera.
Il concerto sarà presentato dal giovane e promettente attore livornese Diego Bellettini.
Saranno eseguite arie, duetti e brani pianistici tratti da opere di Verdi, Puccini e del nostro Pietro Mascagni.
Le modalità di svolgimento della cena, e alle poche semplici regole a cui dovranno attenersi i partecipanti.
Sosta per il carico/scarico
Innanzitutto, per agevolare il trasporto dei tavoli, delle sedie e delle pietanze, dal pomeriggio fino alla mezzanotte di domenica 1 luglio i partecipanti avranno a disposizione un tratto di viale Italia (lato mare) di 150 metri, in corrispondenza del Gazebo, dove potranno sostare per il tempo strettamente necessario alle operazioni di carico/scarico. In questo tratto, opposto a quello compreso tra i civici 169 e 191, dalle ore 14 sarà in vigore il divieto di sosta con rimozione forzata.
I tavoli potranno essere allestiti dalle ore 18.
Cosa portare da casa
“Colore Bianco, sia per la tavola che per l’abbigliamento. Rifiuti Zero, portare tutto da casa. Tovaglia e tovaglioli di stoffa di colore bianco, piatti bianchi di porcellana, bicchieri di vetro e posate di metallo, bandito l’uso della carta e della plastica. E’ammesso qualunque tipo di cibo. I tavoli devono essere quadrati o rettangolari (vietati quelli tondi perché interrompono la fila. Abbigliamento rigorosamente bianco per uomini e donne, grandi e piccini. Sono queste le semplici regole, dicono gli organizzatori, alle quali attenersi per partecipare a questa “cena urbana fai da te”.
Per la notevole suggestività dello scenario è consigliata “eleganza” appropriata, con candele e decorazioni per la tavola.
A questo proposito, la Cereria Graziani ha messo gratuitamente a disposizione 700 candele che saranno distribuite ai tavoli. Si tratta di candele antivento, con una protezione che evita la dispersione di macchie di cera, per non sporcare la pavimentazione della Terrazza (le stesse candele sono fornite in occasione della Luminara di San Ranieri a Pisa).
Contributo e prenotazioni
Previsto quest’anno un contributo di 3 euro a partecipante per far fronte alle spese del piano di sicurezza.
La rimanenza dell’incasso, tolte le spese, sarà devoluta a sostegno del Palio Marinaro. La gara remiera merita una breve digressione poichè per la prima volta nella storia si svolgerà domani, sabato 30 giugno, con la gara delle donne alle 18.30, quella del MiniPalio alle 19 e quella dei gozzi a 10 alle 19.30. Prima della regata ci sarà la commemorazione delle vittime del mare, una sfilata di tutti i gozzi che poi andranno in “pensione”, sostituiti dall’anno prossimo dalle imbarcazioni in vetroresina, e la lettura delle informazioni sulle tradizioni remiere anche in lingua inglese e spagnola rivolte ai turisti.
Tornando alla cena il contributo è volontario, saranno gli organizzatori a passare ai tavoli per raccogliere le somme. Coloro che provengono da fuori città o chi ha difficoltà a portare tavoli e sedie, può utilizzare quelle poste a disposizione dagli organizzatori con un piccolo contributo (fino ad esaurimento delle attrezzature disponibili).
E’ consigliata la prenotazione inviando una mail a: cenainbiancolivorno@gmail.com indicando nome, cognome e numero di persone, e quante sedie e tavoli occorrono. (Nella foto, una splendida immagine della Cena 2017 di Andrea Dani)