Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Settembre 2020

Che bella… Estate a Villa Trossi!


(Angela Simini) Livorno, 12 settembre 2016 – Con lo strepitoso record di oltre 3500 visitatori, col suo cartellone ricco di proposte: ben 18 spettacoli serali di lirica, teatro, musica sinfonica, cabaret, musica folk e jazz, cinque conferenze pomeridiane di approfondimento sull’opera di Pirandello, Petrolini, Tosti, Mascagni e Mozart e, in corrispondenza di spettacoli in cartellone, le due mostre “Carta Couture” e “Fotosensibile. Città e teatro nella fotografia di Giovanna Talà” distribuiti tra giugno e l’inizio di settembre, con lo strepitoso concerto di Ilio Barontini e di Chiara De Palo a conclusione, la stagione “Estate a Villa Trossi”, ha decollato a pieni voti come uno degli appuntamenti più apprezzati e ormai più consolidati dell’estate livornese. A se si è solo alla seconda edizione ! E questa considerazione va a smentita di quel consumato quanto inutile ritornello “A Livorno non c’è mai niente !”. Invece chi si è mosso dalla seggiolina di casa, ha trovato un parco fresco e alberato, la splendida Villa Trossi-Uberti, un palco all’aperto in cui si sono susseguiti nomi illustri e giovani talenti alle prime armi, bravi e meritevoli, molto ben preparati, come Samuele Giannotti e Francesco Saporito.
Un doveroso riconoscimento di merito va ai promotori di questa iniziativa che nel giro di un biennio ne hanno fatto un meeting atteso e radicato in città, a giudicare dai “pienoni” di spettatori e dai personaggi che hanno animato gli spettacoli. Il Presidente della Fondazione d’Arte Trossi -Uberti, Gianfranco Magonzi, salutando il pubblico in occasione del bel concerto di chiusura degli artisti Barontini e De Palo, ha sottolineato il ruolo perseguito e assunto dalla Fondazione, di essere oltre i suoi stretti compiti istituzionali soggetto promotore di un’accreditata proposta culturale di alto livello, secondo l’imprinting conferito dal direttore artistico, il musicologo Fulvio Venturi, che da anni si spende in varie attività cittadine (ricordiamo le Stagioni Liriche a Collesalvetti, le Stagioni Estive del Caprilli, la lunga collaborazione col Teatro Goldoni, la attività all’interno del Circolo Musicale G. Galliano Masini Amici dell’Opera, la pubblicazione di libri.. ecc…). Con lui, sia come partner, sia come promotore di concerti Jazz e Folk, Roberto Napoli, figlio del famoso e compianto Pietro Napoli, titolare dei pianoforti Napoli, egli stesso prosecutore di questa attività e sempre attivo nell’allestire Festival Musicali in città e Concorsi di Poesia.
Il Venturi, profondo conoscitore dell’opera e del mondo lirico, ma anche del settore letterario ed artistico in genere e della vita livornese, come approfondimento degli spettacoli teatrali, ha dato spazio a 5 incontri pomeridiani, due dei quali con la regista Simona Del Cittadino su Pirandello e Petrolini, in corrispondenza di ” Sei personaggi in cerca di autore” (Compagnia Spazio Teatro) e “Ti à piaciato ?”, per gli 80 anni dalla scomparsa di Petrolini, con Christian Quagli e Carlo Bosco. Lo stesso Venturi ha trattato la poesia italiana e la romanza da salotto, Cesare Orselli si è espresso su “Pietro Mascagni oggi” e Nicola Lischi sul “Teatro di Mozart”. Vario e ben articolato il cartellone serale, dalla classica (Vivaldi No End, con la violinista Chiara Morandi) alla lirica, dal teatro al jazz, al cabaret, al Folk, all’ eterno rapporto musica-poesia, mai esplorato abbastanza, ha fatto scorrere un lungo “film” di momenti magici e di grandi artisti: a tal proposito si fa riferimento a September Moonlight, testi scritti da Venturi, voce recitante Susanna Cappellini e al pianoforte il Duo Nuages (Scilla Lenzi, Cristina Cappellini). E’ intervenuta con “Ch’io mi scordi di te” K505 di Mozart, il soprano Serena Farnocchia accompagnata al pianoforte da Paolo Raffo, che hanno fatto la delizia del pubblico. Ed ancora i cantanti lirici Laura Brioli, Carlo Morini, accanto ai quali si sono misurati i giovani Maria Salvini, Didier Pieri, Arianna Rondina, questi nomi solo per citarne alcuni, perché l’elenco di questo cartellone vale la stagione di un teatro ufficiale! e si dice poco ! Ma non dimentichiamo la pianista Laura Pasqualetti che offre sempre ottime performance e che si distingue nell’accompagnamento dei cantanti.
IL settore del Jazz, curato da Roberto Napoli, ci ha dato serate indimenticabili come The Bossanova Company con la vocalist Maria Cristina Pantaleone ed un ottimo complesso, i Jazz Quartet Alan Farrington, Denise King, Chiara Pellegrini Sings, il Folk di Lorenzo Taccini.
Gran finale di questa Estate a Villa Trossi è stato l’applauditissimo concerto di Ilio Barontini e di Chiara De Palo, dopo il quale il presidente della Fondazione, Magonzi, esprimendo l’augurio che la Fondazione possa trovare i sostegni necessari a questo suo impegno, ha confermato che “Estate a Villa Trossi” sarà nuovamente promossa nel 2017. Augurio che il pubblico ha accolto con grande calore e riconoscimento perché la manifestazione si è retta sulle sole forze di chi ha creduto e si è dato da fare, vedi il tenore livornese Franco Bocci.
Sotto la direzione artistica di Fulvio Venturi, Estate a Villa Trossi 2016 rappresenta il più ricco palinsensto di musica e teatro sotto le stelle della Costa degli Etruschi, promosso dalla Fondazione culturale Trossi-Uberti in collaborazione con il Circolo musicale Amici dell’Opera “Galliano Masini”, l’Associazione Pietro Napoli e la Compagnia Lirica Livornese.
Sponsor dell’edizione 2016 la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci, alla realizzazione del ricco programma hanno contribuito Il Tirreno e Caffè Cellini.

Tags: