Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

18 Settembre 2020

Dopo alluvione: sportello in Comune a Livorno per risarcire i cittadini. Sopralluogo della commissione regionale ambiente


Livorno, 22 settembre. Chiuso stasera il Centro Operativo Comunale, nucleo operativo a supporto di Sindaco e Protezione Civile, attivato per l’alluvione, per coordinari gli interventi.
Sempre in funzione il numero 0586 824000 per le richieste di aiuto e supporto dei cittadini, al quale potranno rivolgersi.
Completate le operazioni di soccorso e di messa in sicurezza. Per le richieste di risarcimento di cittadini e imprese è in corso di attivazione uno Sportello di ascolto, dove le persone che hanno subito danni potranno trovare tutta la modulistica, appositamente definita in coordinamento con la Regione per la richiesta di risarcimento danni.
PERMESSI TEMPORANEI ZTL-ZSC GRATUITI. E’ stata approvata una disposizione per agevolare i cittadini che hanno dovuto lasciare la propria abitazione e si trovano momentaneamente alloggiati in zone della città dove vige la ZTL o la ZSC. Gli interessati potranno richiedere il pass temporaneo gratuito entro due mesi a partire da oggi. Avrà la validità massima di 3 mesi a partire dalla data di rilascio.
Per quanto riguarda le modalità di rilascio del pass gratuito, non essendo tecnicamente possibile un immediato aggiornamento del portale informatico normalmente utilizzato per il rilascio dei permessi (Sportello del Cittadino), gli interessati potranno inviare una richiesta tramite posta elettronica all’indirizzo permessi@comune.livorno.it
Nella mail, oltre a fornire generalità e recapiti, si dovrà specificare in quale dei tre centri abilitati si vuole ritirare il permesso (URP al piano terra del Palazzo Comunale, Centro servizi al cittadino Area Nord in piazza Saragat 1, oppure Centro servizi Area Sud, in via Machiavelli 21).
Alla mail dovranno essere allegati la scansione del documento di identità del richiedente e la scansione del modulo di domanda/autocertificazione correttamente compilato (scaricabile da www.comune.livorno.it > Come fare per > Permessi ZTL-ZSC > Domanda pass danni alluvione
In alternativa, è possibile consegnare la documentazione a mano all’ufficio Permessi del Comune di Livorno, al piano terzo del Palazzo dell’Anagrafe, aperto il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 13, e il martedì e giovedì pomeriggio solo su appuntamento, prenotabile tramite URP (tel. 0586 820204).
PRESENTATO ELENCO INTERVENTI. Le somme per le urgenze ammontano a circa 10 milioni di euro, che saranno subito coperti dagli stanziamenti del Governo. Come concordato nei giorni scorsi con la Regione Toscana, l’Amministrazione comunale ha inviato a Enrico Rossi, nominato Commissario delegato per gli interventi da realizzare per superare la situazione di criticità dopo la deliberazione dello stato di emergenza, il prospetto riepilogativo degli interventi di somma urgenza effettuati dal Comune dopo l’alluvione del 10 settembre scorso. L’elenco si riferisce agli interventi realizzati nella prima fase dell’alluvione, le cosiddette “somme urgenze”, quei lavori cioè, finalizzati all’eliminazione dello “stato di pregiudizio alla pubblica incolumità”.
Si tratta di interventi per un importo di circa 17 milioni di euro (17.093.372,72) , che riguardano tre distinte tipologie di opere: le somme urgenze, le urgenze e le opere per la riduzione del rischio residuo e la messa in sicurezza.
L’importo delle somme urgenze, in particolare, ammonta a oltre 10 milioni di euro (10.222.237,23) e comprende interventi come albergazioni dei cittadini rimasti senza casa e delle autonome sistemazioni, ripristino di strade, fognature, ponti, impianti di illuminazione, rimozione di fango e macerie, ripristino della sicurezza sulle strade, etc…
Sarà quest’ultima tipologia di interventi a essere subito coperta dalla prima tranche da 15.570.000 euro stanziati dal Consiglio dei Ministri per i Comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e Collesalvetti per l’emergenza.
“Diventa ora possibile, una volta messo in sicurezza il territorio – ha dichiarato il sindaco Nogarin –concentrarci soprattutto su cittadini e imprese e sulle loro necessità. E’ in via di definizione l’attivazione di uno sportello dedicato, che aprirà già la prossima settimana, dove chi ha subito danni dovrà presentare la segnalazione e ricevere tutte le informazioni del caso, in modo che si riesca a quantificare e certificare il volume dei danni nel più breve tempo possibile. In questi giorni stiamo lavorando senza sosta, insieme anche alla Regione e agli altri Comuni coinvolti, proprio per stabilire modalità e criteri condivisi per la presentazione delle domande. Voglio ringraziare in questa occasione tutti i tecnici comunali, la Polizia municipale e la Protezione civile per l’essenziale contributo che hanno dato non solo durante l’emergenza anche in questa delicata e non semplice fase di ricognizione effettuata in tempi molti rapidi”.
SOPRALLUOGO COMMISSIONE REGIONALE AMBIENTE. Oggi la Commissione Regionale Ambiente del consiglio regionale ambiente ha visitato i luoghi colpiti dall’alluvione. In Comune ha incontrato il sindaco Nogarin, il prefetto, i sindaci dei comuni di Collesalvetti e di Rosignano Marittimo e personale tecnico, poi ha effettuato il sopralluogo nelle varie zone colpite. si è svolto un sopralluogo nelle zone più colpite dal nubifragio.Presenti anche il vicesindaco Stella Sorgente, l’assessore all’urbanistica Alessandro Aurigi, dirigenti e tecnici comunali. Otto le zone con maggiore criticità: Quercianella, Montenero, Ardenza, Collinaia, Valle Benedetta, Strada Provinciale 8 (sulla via di Popogna dove una frana all’altezza del km 7, in zona ex Barcas ha interrotto la strada) e Stagno.
“Oggi i membri della IV Commissione Regionale hanno potuto rendersi conto in prima persona dei gravissimi danni subito dai cittadini livornesi e dal territorio – ha detto il sindaco Nogarin – mi auguro che questo possa contribuire a dare maggiore concretezza a tutte le misure e agli interventi che debbono essere messi in campo per aiutare la città a ritrovare poco per volta la sua identità e a ripartire”.