Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

30 Settembre 2020

E’ in Fortezza Vecchia la festa per Modì. E il Comune chiede la restituzione delle opere


Livorno, 11 luglio. “Amici genovesi, fate un regalo a Modì nel giorno del suo compleanno: restituite a Livorno le tre opere che avete in esposizione e che sono senza alcun dubbio autentiche”. L’assessore alla Cultura del Comune di Livorno, Francesco Belais, ha preso carta e penna e ed ha scritto direttamente agli organizzatori della mostra su Modigliani, allestita a Palazzo Ducale, a Genova. Domani, mercoledì 12 luglio, infatti è in Fortezza Vecchia la festa per il compleanno dell’artista livornese, nato il 12 luglio del 1884, che sarà celebrata con un collage di eventi da intensamente vivere sin dalle 9 del mattino, per concludersi verso la mezzanotte.
Ma leggiamo quello che scrive l’assessore: “Più di un mese fa il sindaco Nogarin aveva chiesto che fosse fatta chiarezza al più presto sull’autenticità delle 13 opere esposte a Genova e definite sospette dal critico d’arte e grande esperto di Modigliani, Carlo Pepi. Da allora abbiamo visto un valzer di pareri più o meno concordi sulla non autenticità di diversi dipinti, ma anche prese di posizione opposte da parte degli investigatori.
A questo punto, nonostante si sia arrivati a soli 5 giorni dalla chiusura dell’esposizione, la misura è colma: chiarezza non è stata fatta e dunque noi rivogliamo le nostre opere, che non meritano di essere accostate a lavori tanto controversi”.
“Domani, 12 luglio, celebreremo per la 133esima volta il compleanno di Modigliani – conclude Belais – con un evento in Fortezza Vecchia che si preannuncia estremamente interessante dal punto di vista sia dei contenuti artistico culturali che da quello dell’intrattenimento per giovani e meno giovani. Sarebbe bello poter annunciare il ritorno a casa delle opere del nostro geniale concittadino”.
La ricorrenza “Modigliani Livorno” sarà festeggiata nella splendida cornica della Fortezza Vecchia con un evento culturale, ideato e curato da Reset, con il patrocinio del Comune di Livorno e in collaborazione con l’Autorità Portuale, che si protrarrà per tutto l’arco della giornata con momenti di dibattito, mostre, danza , cabaret e laboratori per bambini. Al centro la figura del grande “Dedo”, il suo genio ed il suo tratto distintivo che lo ha reso grande e famoso in tutto il mondo.
Il programma prevede l’attività dei pittori dalle 09,00 alle 20,00 in “Colori labronici”, pittura en plein air aperta agli artisti.
In contemporanea: 10,00-12,00 e 17,00 – 20,00 “Sulla scia di Dedo” Pittura in estemporanea con modelle e modelli. Ideato da Biagio Chiesi. Scenografie Teatro Goldoni. Tutte le opere eseguite, saranno esposte nel piazzale principale fino alle ore 24,00.
Mostre di pittura ‘800-‘900 dalle 12,00 alle 24,00 – Sala della Cisterna con “Percorsi attorno ad Amedeo Modigliani, maestri, amici e suggestioni nell’arte toscana tra ‘800 e ‘900”.
Dalla Collezione di Carlo Pepi, collezionista d’arte e uno dei maggiori esperti dell’arte di Modì: 12,00 – 24,00 – Sala del Piaggione dei Granai “La pittura a Livorno tra fine ‘800 e primi del ‘900”
Courtesy: 800/900 Artstudio, Galleria Athena, Galleria Chiellini, Galleria Goldoni, Galleria le Stanze
Nella Sala Ferretti dalle alle 24: “Livorno”, mostra fotografica di Andrea Dani
Dalle 17,00 alle 18,30 e dalle 20,30 alle 24,00, “Proiezioni di arte, cultura e bellezze di Livorno”:
“Angoli di Livorno” di Andrea Dani; “Ricostruzione 3D Terme del Corallo, Padiglione della Mescita” di Stefano Vannucchi; “Tributo a Giovanni Fattori” di Nicola Stefanini; “La rinascita delle Terme” di Sebastian Korbel.
Dalle 18,30 alle 20,30. Tavola rotonda: “Livorno – Parigi, l’alba dell’arte contemporanea”. Dopo i saluti di Reset, Autorità Portuale e Comune di Livorno, interverrano Corrado La Fauci, Umberto Falchini, Vincenzo Farinella, Carlo Pepi. Moderatrice Irene Carlotta Cicora, giornalista quotidiano Il Telegrafo.
Sul palco esterno, alle 21, presenta l’evento l’attrice cantante livornese Martina Salsedo. Seguiranno
“Il cigno di Livorno”, poesia di Ketty D’echabur dedicata a Modigliani. 21,05 – 21,15, “Io sto con Modigliani, Anna Achmatova”, momenti di danza di Martina de Domenico.
21,15 – 21,55: “Modigliani Livorno”, Carlo Pepi intervistato da Alessandro Guarducci capocronista quotidiano Il Tirreno. Poi Reset spegnerà le 133 candeline sulla torta offerta dalla Baracchina Rossa
21,55 – 22,10, “Io sto con Modigliani, Beatrice Hastings”. Momenti di danza di Martina de Domenico.
22,10 – 22,50, “Incontro con il Dario pittore”, Dario Ballantini intervistato da Alessandro Guarducci capocronista quotidiano Il Tirreno.
22,50 – 22,55, “Io sto con Modigliani, Jeanne Hubertine”. Momenti di danza di Martina de Domenico.
22,55 – 23,55, “Ecco chi era Dedo” Monologo di Michele Crestacci.
Saranno allestiti vari gazebi: 9,00 – 24,00 Gazebo segreteria Associazione Reset. Brindisi a “Modigliani Livorno” offerto da Cantina Mr Bacco.
18.00 – 24.00 Presentazione e degustazione di cioccolatini a cura della Cioccolateria Assolo di Gnesi.
20,00 – 23,00 Dolcetti per i bambini “La spiga che non c’è” e Conad – Marilia.
12,00 – 24,00 Gazebo espositivo di “Modiglianizzati”
Progetto fotografico di Fabrizio Razzauti. 20,00 – 23,00
Laboratorio artistico gratuito per bambini dedicato a Modigliani curato dalla Casa Editrice Sillabe dal titolo “Autoritratto in stile Modì” che prevede un premio per l’autoritratto più votato. Ci sarà un tutorial di disegno per bambini e la proiezione del cartone animato “Amedeo Modigliani” della serie TV “L’arte con Matì e Dadà”.
Proiezione del logo brand “Modigliani Livorno” offerta da Menicagli Pianoforti. Materiale tecnologico per la proiezione del cartone animato “Amedeo Modigliani” offerto da Teatro Goldoni Livorno.
L’organizzazione ha reso omaggio alla Fondazione Lepori e Toscana Arte per il materiale espositivo, Erreti Rame Srl (coperture metalliche e lattonerie edili).
L’ingresso è a offerta libera. I parcheggi auto sono situati nelle immediate vicinanze.
Gli accessi alla Fortezza Vecchia sono dal Ponte Mobile da largo Tito Neri al Cortile delle Armi della Fortezza, dalla Quadratura dei Pisani, dove funzionerà il servizio bar. Servizio sanitario e logistico a cura Croce Rossa Italiana Comitato di Livorno.