Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Novembre 2020

Enrico Cantone è il nuovo capogruppo dei Cinque Stelle in Consiglio regionale


Firenze – Il livornese Enrico Cantone, 60 anni, è il nuovo capogruppo del movimento Cinque Stelle presso il Consiglio regionale della Toscana. Cantone, che è vicepresidente della commissione Toscana costiera, subentra ad Andrea Quartini. Nato a Tripoli, diplomato in Informatica, Cantone vive a Livorno da quasi cinquant’anni, dove esercita l’attività di imprenditore nel settore delle riparazioni auto. Sposato, ha tre figli e due nipoti. I consiglieri regionali dei Cinque Stelle, così hanno commentato il cambio di capogruppo semestrale: “Ringraziamo Andrea Quartini per il modo egregio col quale ha svolto il compito di capogruppo e adesso avanti con Enrico Cantone”. Il consigliere livornese, da parte sua, nel corso dell’apposita conferenza stampa svolta oggi, martedì 20 settembre, ha aggiunto: “La rotazione del capogruppo è una pratica che ci distingue da ogni altro gruppo politico a tutti i livelli istituzionali. Noi crediamo nel principio della partecipazione, mentre gli altri si dividono su chi è il capo bastone”. E ancora: “Credo nel gruppo e sarò un coach del gruppo per stimolarlo alle sfide che ci aspettano: continueremo a chiedere trasparenza e correttezza sui bilanci, siamo stati noi a scovare l’evasione del demanio idrico ed i problemi contabili nelle partecipate, difenderemo le nostre proposte sulla partecipazione, prima fra tutte la proposta di legge sul referendum senza quorum, e infine continueremo a tenere sotto controllo le grandi opere previste dal Pd. Per ora su darsena Europa siamo al terzo rinvio del bando e ricordiamo che per l’aeroporto di Firenze la parola non spetta ai politici ma ai tecnici nazionali”. Infine, ha precisato: “Il movimento Cinque Stelle è un modo per portare i cittadini nelle istituzioni: nel mio caso quando ho visto che le risposte ai miei problemi ed a quelli dei miei cari non venivano dai politici, ho deciso di impegnarmi in prima persona e sono stato felice di riconoscere tanti altri che come me volevano prendere in mano il loro futuro. Sono diventato così un imprenditore prestato alla politica, per questa esperienza da portavoce dei cittadini, qui dentro”.