Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

21 Settembre 2020

Finanziati dall’UE i progetti per rilanciare la costa toscana


(Massimo Masiero) Livorno – gennaio. Un periodo di 18 mesi per la formazione di quattrocento addetti. E’ l’impegno per promuovere la nuova impresa attraverso un lavoro di squadra tra soggetti pubblici, sindacati e associazioni imprenditoriali. Saranno due i progetti, “List”(“Logistica Innovazione e specializzazione Toscana”) e “Best” (Blue Economy and Strategic Training”), approvati dall’Unione Europea e ammessi al finanziamento di 650 milioni di euro provenienti dal bando del Fondo Sociale Europeo 2014-2020, che destinava 1,3 milioni di euro alla formazione strategica. L’obiettivo da raggiungere è quello di far diventare la costa toscana un polo di riferimento per intercettare le esigenze formative su scala nazionale e mediterranea in ambito portuale, logistico, industriale, con particolare riguardo al gas naturale liquefatto. La notizia giunge dall’Autorità Portuale.
I tasselli sono stati messi ognuno al proprio posto e l’intenzione dichiarata è quella di chiudere un processo di engineering formativo che presto potrebbe portare sul territorio nuova occupazione con l’inserimento di operatori della nautica da diporto, tecnici della cantieristica, piccoli imprenditori dei settori navale e portuale.
“A partire dai nodi portuali, interportuali e logistici della costa– ha detto il commissario dell’Autorità Portuale, Giuliano Gallanti – è possibile lanciare una iniziativa per una formazione strategica non solo di livello regionale ma anche nazionale. Attraverso la sinergia tra soggetti pubblici e privati possiamo creare una realtà strutturata per la formazione e attivare procedure di monitoraggio delle ricadute occupazionali in porto”.
Quattrocento persone in diciotto mesi di formazione: è il cronoprogramma definito con le imprese coinvolte nel Tavolo di Formazione Strategica, strumento nato nel luglio del 2016 per effetto di un protocollo di intesa firmato a Palazzo Rosciano tra soggetti pubblici (Autorità Portuali di Livorno e di Piombino e Provincia di Livorno), sindacati (Cgil, Cisl, Uil) e rappresentanze imprenditoriali (Confindustria, CNA, Asamar, Spedimar, Spedizionieri Doganali) e voluto dall’Autorità Portuale Livorno per definire un programma di offerta formativa applicato alle esigenze reali del territorio.
I due progetti ammessi al finanziamento del Fondo Sociale Europeo, List e Best, si rivolgono rispettivamente alla logistica (List) e alla nautica da Diporto (Best). Il primo coinvolgerà numerose imprese industriali e logistiche che gravitano attorno alle infrastrutture chiave del “nodo logistico complesso della costa nord tirrenica”: dal porto di Livorno a quello di Piombino, dall’Interporto Vespucci alla Darsena Pisana, sino all’interporto di Prato e all’area fiorentina. Il secondo nasce dalla cooperazione tra l’Autorità Portuale di Livorno e Navigo, consorzio che raggruppa le imprese del settore nautico, e guarda alla nautica e alla “blue economy” come settori in grado di consolidare e rafforzare l’economia territoriale e regionale.
Sulla base di questi risultati incoraggianti, l’Autorità Portuale di Livorno, su mandato del tavolo Formazione strategica, ha definito la road map per la creazione del “Simulation and Training Center – Leghorn” (Stcleg), che concretizza la comunione d’intenti dell’accordo del luglio 2016, che si riferisce sui progetti appena approvati (List e Best) e su altri già in corso. masierolivorno@gmail.com