Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

16 Gennaio 2021

Fondazione Livorno: alunni critici per un giorno.


Livorno, 3 giugno 2018. Domani, lunedì 4 giugno, premiazione degli alunni del concorso Critico per un giorno.
Alle ore 11,30 al Circolo Didattico Antonio Benci, scuola primaria Via Bernardina 35 Livorno; alle ore 14,30 al IV Circolo Didattico La Rosa, scuola primaria Lambruschini, Via P. Villari 8.
Martedì 5 giugno, alle ore 10,30 IX Circolo Didattico Benedetto Brin – scuola primaria R. Natali Via A. Cecioni 7 Livorno
Il concorso è stato indetto in occasione della mostra dedicata all’artista livornese Ferdinando Chevrier allestita nei locali di Fondazione Livorno dal 6 ottobre 2017 al 4 marzo 2018 dal titolo “Il movimento e la tensione”.
Promosso da Fondazione Livorno – Arte e Cultura, in collaborazione con Archivi Legali Ferdinando Chevrier, il concorso ha visto la partecipazione di sette classi della scuola primaria.
Dopo aver visitato la mostra, curata da Elena Pontiggia, che comprendeva oltre 120 opere ed era la prima grande antologica postuma dell’artista, i partecipanti al concorso hanno scelto un’opera e l’hanno descritta inviando una foto, un disegno o un elaborato grafico accompagnato da un commento personale.
Alle classi vincitrici, IV C Benci, III C Lambruschini e VA Natali sarà donata una serigrafia di Chevrier, incorniciata, con targa dedicata alla classe, che resterà esposta all’interno della scuola. Inoltre a tutte le classi verrà consegnato materiale per dipingere: tempere, acquerelli, pennelli, album da disegno ecc. Tutti i commenti dei partecipanti, insieme alle foto e ai disegni, verranno pubblicati sulla pagina ufficiale Facebook di Archivi Legali Ferdinando.
Ferdinando Chevrier (Livorno 1920-2005) esordisce nel 1947 e dopo le prime prove figurative si dedica all’astrattismo geometrico. Nel 1950 aderisce al M.A.C. Intorno al 1956 si avvicina all’informale, ma a partire dagli anni Settanta torna a una geometria dai forti caratteri dinamici. Nel 1974 si trasferisce a Milano, dove vivrà per trent’anni. Scompare nel 2005 a Livorno.