Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

venerdì 22 febbraio 2019

Il 4 febbraio il capo della Polizia, Gabrielli, ai funerali dell’assistente capo Baratella


Livorno, 3 febbraio 2019 – Si svolgeranno in Duomo nella mattinata di domani, lunedì 4 febbraio, i funerali di Fabio Baratella, l’assistente capo della Polizia stradale di Livorno che ha perso la vita mercoledì scorso, 30 gennaio, nel terribile scontro automobilistico avvenuto in via Leonardo da Vinci.
Baratella, 57 anni, risiedeva a Vicarello nel territorio comunale di Collesalvetti. Alle esequie sarà presente anche il capo della Polizia, Franco Gabrielli, che è anche direttore generale della Pubblica sicurezza.

Secondo quanto si apprende, Baratella sarebbe stato sbalzato fuori dall’auto e sarebbe deceduto sul colpo. Lascia la compagna e un figlio di vent’anni. Sarà sepolto nel cimitero di Vicarello. La sua improvvisa scomparsa ha profondamente scosso la comunità di Vicarello, tanto che il sindaco di Collesalvetti, Lorenzo Bacci, lo ha voluto ricordare con una nota ufficiale del Comune.

Baratella in passato aveva abitato a Livorno, in via Bengasi, dove ancora aveva numerosi amici. Musicista dilettante, aveva suonato in alcuni gruppi livornesi esibendosi nei teatri e nei locali cittadini.

Nel frattempo restano gravi le condizioni del viceispettore Gino Gabrielli, 47 anni, che era in servizio assieme a Baratella la sera dell’incidente e che è rimasto ferito nello scontro, così come la donna che guidava la Fiat Panda che si scontrata frontalmente con la volante della Polizia. Nell’incidente sono rimasti coinvolte anche un’altra auto e un camion che era appena sbarcato da una nave proveniente da Palermo.

La dinamica dell’incidente è al vaglio degli inquirenti e su di essa vi è il massimo riserbo. Al momento non vi sono indagati. La Procura di Livorno, per le indagini, ha delegato la Polizia municipale. Il titolare dell’inchiesta è il pubblico ministero Massimo Mannucci.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,