Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

sabato 18 Gennaio 2020

Il concerto di Buonanno con l’Orchestra del Mascagni al Goldoni


(Angela Simini) Livorno, 22 dicembre 2019 – Ad inaugurare il 2020 sarà il Concerto di Capodanno o di Buonanno, come è stato ribattezzato dal vicepresidente della Fondazione Livorno, Marcello Murziani, che si terrà mercoledì 1° gennaio 2020 alle 18 al Teatro Goldoni con l’Orchestra del Conservatorio Pietro Mascagni, diretta dal Maestro Lorenzo Sbaffi, violinista e compositore.

Prosegue dunque una tradizione che, è giusto ricordarlo, fu inaugurata dal presidente CdA della Fondazione Goldoni Marco Bertini nel 2006 per celebrare i 400 anni della nascita della città, per dare a Livorno, che ha avuto un ruolo preponderante fino ai primi del Novecento, l’ opportunità di vantare il Concerto di Capodanno come le grandi città di Europa, Vienna ad esempio e La Fenice di Venezia. Da allora la manifestazione si è ripetuta con l’esecuzione di brillanti programmi, eseguiti dagli allievi e dai giovani diplomati insieme con i loro maestri, nomi già affermati del panorama concertistico, una fusione che ha dato sempre ottimi risultati : teatro esaurito in tutti i settori della platea e in tutti gli ordini dei palchi.

Il Concerto tanto atteso, evento fuori abbonamento, scaturisce dalla collaborazione della Fondazione Livorno, del Teatro Goldoni e del Conservatorio Musicale Pietro Mascagni.

“Questa manifestazione è una tra le prime iniziative che la Fondazione sostiene – ha esordito Marcello Murziani –. E’ un concerto storico e un abbraccio alla città, che si tiene in uno dei teatri più belli del mondo, così definito dagli artisti stessi, con una Orchestra prevalentemente giovanile , perciò vorrei chiamarlo Concerto di Buonanno”.

Idea condivisa anche da Marco Leone, Direttore Generale della Fondazione Goldoni e dal Presidente del Conservatorio, Marco Luise che ha reso noto il nome del nuovo Direttore Artistico del Mascagni, il musicologo Prof. Renato Meucci, che ricoprirà il ruolo del Mestro Stefano Guidi. Direttore Scientifico dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, l’arrivo di Meucci dimostra ancora una volta come Livorno sia una meta ambita e “sede appetibile”.

Apre il Concerto l’Orchestra dei Fiati del Mascagni che propone la vivace Globe and Eagle di John Philip Sousa, alla quale fanno seguito pagine brillanti e di folklore sud americano e spagnolo. Quindi l’Orchestra del Mascagni esguirà un repertorio classico: Antonin Dvoràk, Johann Strauss, Franz Lehàr, Augustin Lara. Non potevano mancare Il sogno e l’Intermezzo da Guglielmo Ratcliff, l’Intermezzo da Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni. Chiude la serata il famoso Brindisi da La Traviata di Giuseppe Verdi. Canteranno il soprano Farncesca Maionchi e il tenore Leonardo Gramegna , nuovo insegnante di canto del Conservatorio.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,