Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

2 Agosto 2021

Un'immagine del tango argentino al Mascagni Off (foto Nesti)

Il Mascagni Off ha preso il via in Fortezza Vecchia, serata magica con il tango argentino


(Donatella Nesti) Livorno, 19 agosto 2020 – Una bellissima serata in Fortezza Vecchia a Livorno ha dato inizio a Mascagni off una serie di appuntamenti che si affiancano al Mascagni Festival con ingresso libero ma con accesso su prenotazione e rispettoso delle regole anticovid. Martedì 18 agosto, alle ore 20 nella Quadratura dei Pisani in Fortezza Vecchia l’appuntamento con “Aperitivo con Don Pedro”, pianoforte e aneddoti per una affascinante storia che lega Livorno a Buenos Aires, Pietro Mascagni ad Angél Villoldo, la musica classica italiana al tango argentino, organizzata da Ixnous Associazione culturale itinerante con FAItango, in collaborazione con Menicagli Pianoforti.

Il legame tra Mascagni e l’Argentina è stato intenso  e prolungato nel tempo, come ha raccontato Fulvio Venturi e la prima di Isabeau (1911) ha segnato una svolta importante nel mondo della lirica introducendo tematiche musicali e sceniche che hanno rinnovato l’opera non più legata agli schemi tradizionali. La serata è stata accompagnata dalla bravissima pianista Lucrezia Liberati  e sul palco si sono esibiti i ballerini di tango Carina Calderon ed Alfredo Astesiano.

Con l’intenzione di approfondire il legame musicale del Maestro livornese con l’Argentina, è stata avviata una ricerca  che ha portato alla scoperta di interessanti documenti sulla presenza del nostro compositore a Buenos Aires. Molto interessante la lettura dei giornali argentini del tempo che hanno testimoniato le straordinarie serate in cui Mascagni ha partecipato a feste e banchetti ed in chiusura un documentario originale che ha mostrato l’intensa accoglienza degli argentini per lo più di origine italiana al livornese Pietro Mascagni tanto da dare il nome Pietro ai propri figli.