Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

martedì 20 novembre 2018

Il Pd e la difesa dei diritti dei bambini


(Cristina Lucetti) Livorno, 19 ottobre 2018. “Per il Partito Democratico la difesa dei diritti di tutti i bambini e il miglioramento delle loro condizioni è l’impegno prioritario su cui si costruisce il futuro”.
La norma che prevede l’autocertificazione per redditi e i patrimoni posseduti all’estero è valida per tutti. L’amministrazione può interloquire con i consolati che hanno il compito di attestare la veridicità delle dichiarazioni. In uno stato di diritto le istituzioni hanno il compito di individuare e garantire soluzioni di sistema affinché la burocrazia non si traduca in un danno le cui conseguenze ricadono sui minori .
In linea con questo principio occorre bilanciare due diritti: da un lato quello dei bambini di avere pari opportunità di accesso alla mensa e ai servizi educativi, dall’altro la possibilità dell’amministrazione di verificare se da parte della famiglia esista o meno la necessità di usufruire delle agevolazioni. Le famiglie straniere devono pagare seguendo criteri di equità.
La decisione della sindaca leghista che ha impedito l’accesso alle mense dei bambini stranieri è gravemente discriminatoria.
Il Comune di Lodi, attraverso una delibera , a inizio anno scolastico ha di fatto estromesso circa 200 bambini dalle mense scolastiche per l’impossibilità delle famiglie a reperire, nei loro Paesi d’origine, i documenti sul patrimoniorichiesti dalla sindaca Sara Casarosa.
È stato aberrante il tentativo di negare ai bambini il diritto di avere pari opportunità all’istruzione e ai servizi educativi a questa correlati – diritto sancito dalla Costituzione – , per scopi propagandistici e di partito.
La Lega, con la sua propaganda crudele – in questo caso sulla pelle dei bambini – pur di acquisire consensi ha dimostrato una brutalità intollerabile.
Questa volta però, grazie alla mobilitazione e alla solidarietà di tutta la “comunità educante” che ha raccolto 6O mila euro e ha acceso i riflettori sui diritti calpestati dei bambini, gli alunni sono stati riammessi alla mensa e l’amministrazione è stata costretta a rimettere mano alle norme con nuove linee guida che allargano le maglie.
Cristina Lucetti è responsabile istruzione e formazione dell’Unione Comunale PD Livorno

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,