Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

24 Settembre 2020

Incontro con le libellule delle colline livornesi


(Paolo Pasquinelli) Livorno, 28 luglio. Un incontro non casuale quello avvenuto con le libellule presenti nelle Colline livornesi. Cercato e mirato per il completamento dei miei studi sulle Biodiversità. Rigagnoli, pozze d’acqua e invasi artificiali sono le rimanenze acquifere di una torrida estate che permettono la sopravvivenza di questi organismi importanti per l’equilibrio degli ecosistemi sempre più aggrediti dalle attività umane e dai cambiamenti climatici. Fortunatamente alcuni mini-ambienti delle Colline livornesi mostrano una sorprendente capacità vitale. In queste ultime due settimane sono rimasto ammirato specialmente dalla presenza e dal comportamento delle libellule appartenenti alla Specie Calopterix haemorrhoidalis. Ebbene, tale Specie presenta un dimorfismo sessuale ben evidente: l’esemplare maschile (foto in basso) è completamente nero tranne una piccola parte terminale dell’addome di color rosso vivo (da cui è derivato haemorrhoidalis….) mentre la femmina (nella foto in alto) presenta ali quasi dorate con evidenti peristigma bianchi. Ho notato che soltanto alcuni luoghi sono colonizzati da queste libellule: Fonte all’Amore, Sambuca, Infernaccio e Chioma con i rispettivi rii (Popogna, Ugione e Chioma). In special modo a Fonte all’Amore (luogo dove ancora a fine luglio esiste un piccolo invaso d’acqua) ho condotto studi relativi alla modlità di volo, ai vari stadi di crescita, al dimorfismo sessuale e ai rituali d’accoppiamento (nella foto rarissima, scattata a Fonte dell’Amore) di Calopterix haemorrhoidalis. paolopasquinelli@alice.it
Paolo Pasquinelli, biologo e artista contemporaneo.

SONY DSC


SONY DSC