Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

20 Settembre 2020

La giunta M5S pedala: piste ciclabili a Colline, viale Italia, Antignano


(Massimo Masiero) Livorno, 21 giugno. I fornitori in auto che si sono affacciati, nel quartiere di Colline, su Piazza Damiano Chiesa e hanno proseguito sul tratto di strada di via di Salviano, fino a viale Risorgimento, hanno creduto ad uno scherzo, e lo hanno anche detto, ma non era il primo aprile purtroppo. Si sono subito ricreduti quando hanno visto gli operati che stavano tracciando, come aveva stabilito il Comune, il nuovo “sentiero”, perché a commercianti e residenti è parso tale, che tracciava la pista ciclabile riducendo la transitatissima carreggiata di quel tratto di strada, abolendo la corsia preferenziale riservata agli autobus. Non vicino al marciapiede per avere maggiore spazio, come qualcuno aveva consigliato per agevolare il transito, creare opportunità di minor rischio e più sicurezza, perchè accanto hanno tracciato una fascia bianca neutra e poi ancora le strisce blu rettangolari per il parcheggio a pagamento. In sostanza altri metri tagliati all’arteria. Difficoltà a non finire quindi. Per la raccolta dei rifiuti, per il transito di automezzi, per i pedoni che dovranno essere attenti nel camminare per non farsi investire, per l’ingresso e l’uscita dal posto auto. La giunta comunale, portando a termine questa operazione, è convinta di essere nel giusto. Ma sono in molti a credere invece che la sola certezza è quella di aver messo le mani nelle tasche dei cittadini automobilisti, che a loro volta dovranno metter mano al portafoglio, o meglio alle monetine da infilare nei parchimetri.
Tuttavia non lamentiamoci troppo. Una notizia positiva arriva dal lungomare. Per il momento sul viale Italia si potrà sostare senza pagare un euro. La sosta oraria è in salvo. La Regione infatti non ha ammesso a valutazione (espressione eufemistica per dire “no”) la proposta del Comune, che le chiedeva un po’ di soldi per finanziare il progetto, perché il “sito proposto” era stato già finanziato nel 2007. E l’occasione, come era prevedibile, non se la sono lasciata scappare i dem. Federico Bellandi, segretario dell’unione Comunale, ha bollato di approssimazione e di incompetenza la giunta M5S, pur non sottraendosi all’ironia offrendo di porgere una mano, ma per finanziamenti che siano utilizzate per aree idonee alla maggiore vivibilità della cittadinanza. Sindaco e assessori al ramo hanno in animo di “declassare” da autostrada il viale Italia, dove si verificano incidenti anche per l’alta velocità, creando strisce blu a pagamento a lisca di pesce da piazza Mazzini alla zona Bagni Pancaldi, disegnandole sulla carreggiata, ridotta dalla pista ciclabile: sicurezza garantita. Anche qui protesta e presentazione di un fascio di fogli presentati dalla Lega Nord, contenenti seicento firme di cittadini contrari al progetto. Si proponeva ridisegnare la pista ciclabile utilizzando con cura la pineta per renderla più appetibile e caratteristica e controllando la velocità eccessiva sull’intero viale fino ad Antignano con vigili motociclisti come era stato fatto anni or sono (due pattuglie formate da due vigili) dalla giunta precedente. La giunta tuttavia non si è data per vinta ed ha cambiato obiettivo. E’ di questi giorni che voglia realizzare una pista ciclabile sul viale di Antignano dalla zona Tre Ponti ai Bagni Rex, oltre Miramare. Sono 2mila700 metri tutti da percorrere a perdifiato, che si aggiungono agli altri già realizzati fino alla Rotonda ardenzina. Il progetto è pronto e sarà presentato alla Regione. Forse potrà avere maggiore fortuna e arricchire il suggestivo paesaggio delle falesie della costa. masierolvorno@gmail.com