Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

25 Ottobre 2020

La sfida di Potere al Popolo, sembriamo radicali perché vi siete abituati a tutto!


(Ermanno Loi) Livorno, 24 febbraio – Partecipato incontro al circolo Iosono141, nel pomeriggio di ieri, venerdì 23 febbraio, con i candidati livornesi di Potere al Popolo, la lista che riunisce sigle e movimenti della cosiddetta Sinistra radicale, dal nuovo Pci a Rifondazione comunista, dalla Sinistra antagonista a numerosi centri sociali sparsi ovunque in Italia.

L’appello che, a livello nazionale, ha permesso la costituzione di questa lista è stato lanciato nel novembre scorso dal centro sociale Jo so’ Pazz di Napoli, che non a caso esprime anche la portavoce, Viola Carofalo, secondo cui Potere al Popolo è destinato a consolidarsi come progetto politico dopo il 4 marzo. E proprio la prospettiva del dopo elezioni è stato uno dei punti al centro dell’incontro pubblico. Vi è la necessità di una formazione politica in grado di partire dai territori per dare voce e rappresentanza, è stato detto, alle esigenze che nascono dal basso, nelle periferie, dove vive la maggioranza delle persone.

Al circolo di via dei Terrazzini sono intervenuti la candidata per l’uninominale alla Camera dei deputati Valentina Barale, la candidata per il plurinominale al Senato Paola Capriotti e il candidato per il plurinominale alla Camera Giovanni Ceraolo. L’accento è stato messo sui temi del lavoro, della giustizia sociale, del diritto alla casa e alla sanità pubblica e gratuita, dell’uguaglianza e dell’accoglienza. La riduzione delle spese militari e l’innalzamento di quelle a favore dei servizi sociali, della sanità e della scuola, ma anche dei trasporti pubblici, sono i principali punti del programma elettorale di Potere al Popolo, che continua a porre il diritto al lavoro e alla possibilità per i giovani di costruirsi un futuro come l’elemento fondante, imprescindibile, di ogni politica concreta che si vuole attuare.

Semplice e tragico, al tempo stesso, l’assunto dal quale è partita la sfida. Potere al Popolo sembra un proposta politica radicale solo e soltanto perché la gente, ormai, si è abituata a tutto. Contro questa assuefazione la lista vuole proporre la speranza del cambiamento e una diversa scena sociale.