Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

25 Settembre 2020

La Sigma, disincagliata, è ora ormeggiata in porto


Livorno – gennaio. La Sigma, il cargo di 128 metri, 18 uomini d’equipaggio, 6.500 tonnellate di stazza, è stata disincagliata questa notte dai rimorchiatori dell’impresa Neri e adesso è ormeggiata all’interno del porto labronico, dove adesso si trova in sicurezza dopo aver “occupato” da venerdì mattina, suo malgrado per esservi arenata a causa del forte vento,l’insenatura dei Tre Ponti, a fianco del Gabbiano, alla Rotonda d’Ardenza, dove i livornesi fanno il bagno per l’intero anno. E subito nella tarda mattinata odierna, con il grecale che imperversava, Bruno si è tuffato dal moletto della sezione nautica, ha fatto una breve nuotata ed è risalito tranquillamente, per riprendere possesso, ha detto, dello spazio marino, riconsegnandolo “ufficialmente” agli appassionati, che si ritrovano per il “bagno sempre” di tutto l’anno al moletto della Sezione Nautica d’Ardenza.
L’avventura del cargo è iniziata nella mattinata di venerdì ed è terminata, alle 3,45 di questa mattina, dopo un tentativo di traino fallito per la rottura del cavo, dovuto al vento. Verso la mezzanotte l’operazione di recupero è ripresa poichè l’annunciata allerta meteo di ieri pomeriggio segnalava l’aumento a mezzogiorno di oggi, lunedì 16, fino a mercoledì 18, del vento di grecale, con l’arrivo di freddo, gelo e probabili nevicate a bassa quota. Le operazioni preparatorie sono quindi iniziate in serata con i vari controlli da parte della Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco, dell’impresa dei rimorchiatori Neri e degli altri organismi preposti per la sicurezza. L’àncora si è sganciata regolarmente, non vi sono stati sversamenti di idrocarburi inquinanti, lo scafo non ha subito danni. Dopo il posizionamento del cavo, verso mezzanotte è iniziata la delicata operazione di allontanamento della nave dal punto in cui si è incagliata (poche decine di metri dalla spiaggia) e alle 3,45 ha potuto riprendere il mare per giungere all’attracco nello scalo livornese, al riparo dalle forti sventolate in aumento nella giornata di oggi. La Rotonda ardenzina non è più sotto minaccia.